Civitella del Tronto, «il miglior bilancio della regione Abruzzo»

Soddisfatto il sindaco

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3588

Civitella Del Tronto

Civitella Del Tronto

CIVITELLA DEL TRONTO. Il Consiglio comunale civitellese nella seduta del 16 ottobre ha approvato il bilancio preventivo 2012.

«Il bilancio licenziato e' uno dei migliori della provincia di Teramo, se non della Regione Abruzzo», dichiara soddisfatto il sindaco Gaetano Luca Ronchi.
«Siamo riusciti a non aumentare l'Imu sia per la prima che per la seconda casa, abbiamo lasciato inalterata la Tarsu ed i servizi (trasporto e mensa scolastica, terme per gli anziani, colonie marine estive). Per la nostra mensa scolastica, già attiva dai primi giorni del mese di ottobre, la spesa è di soli 2,40 euro per l’asilo e 2,60 per la scuola media inferiore, somme ben al di sotto almeno del 30% rispetto ad altri Comuni».
«Un vero miracolo», dice il primo cittadino, soprattutto in questo periodo: «il dato di fatto è che da quando ci siamo insediati non abbiamo aumentato alcuna tassa».

Durante la seduta consiliare è’ stato votato all’unanimità anche un emendamento proposto dalla maggioranza che consentirà di inserire sul bilancio alcune somme per riaprire il centro disabili di Rocche, che da diversi mesi era rimasto chiuso.
L'unico aumento che e' stato previsto, necessario per il pagamento dei servizi resi alla cittadinanza e di alcune spese che l'ente ha sostenuto (in particolare per lo spalamento della neve) e' relativo all'addizionale Irpef comunale, proporzionale sul reddito, che dallo 0,6 e' passata allo 0,8. Una incidenza minima quindi: per fare un esempio per un reddito di 15.000 euro l'aumento sara' di 30 euro annue, di 40 Euro nel caso il reddito sia di Euro 20.000. Non verranno però colpite le classi disagiate, i disabili, i disoccupati, essendo pure prevista l'esenzione per i redditi al di sotto di 6.200 euro.

«Nonostante tutto», continua il sindaco, «spiace constatare l'irresponsabile comportamento dei tre dimissionari (Cristina Di Pietro, Gennarino Di Lorenzo e Daniele De Giorgis), che, malgrado avessero annunciato il voto a favore di tutte le delibere necessarie per la prosecuzione dell’attività amministrativa, su alcuni temi importanti discussi in Consiglio quali il piano triennale delle opere pubbliche (che prevedeva interventi quali l'asilo nido a Villa Lempa, palazzo Portici a Civitella e viabilità varia), l’aumento dell’addizionale e il bilancio si sono astenuti, rischiando cosi di paralizzare la vita amministrativa e di bloccare le opere in corso».