LA POLEMICA

Spoltore, Chiude il centro anziani. Febo «Di Lorito antieuropeo»

Trasferimento parziale a Villa Raspa

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3057

Marina febo

Marina Febo

SPOLTORE. Mentre in tutta l'Europa si festeggia il 2012 come Anno Europeo per l'invecchiamento attivo a Spoltore chiude il centro sociale per anziani.

Oggi scade, infatti, la locazione dei locali che ospitava le attività. Marina Febo se la prende con il sindaco Luciano Di Lorito: «nonostante abbia dichiarato più volte la sua volontà a non smantellare il centro, in queste ore, è in corso il trasloco per riconsegnare i relativi locali al proprietario e il trasferimento parziale presso la sede dell'ex delegazione comunale a Villa Raspa».
Il capogruppo del Pdl  non nasconde la propria delusione dopo i tanti appelli rivolti al neo sindaco e all'amministrazione volti a scongiurare la chiusura del centro.
La sede dell'ex delegazione comunale è già utilizzata da altre realtà importanti di Spoltore (la protezione civile, il centro di aggregazione giovanile, il deposito materiale per la raccolta differenziata e lo sportello SOGET) e non ha i servizi adeguati (riscaldamento e servizi igienici). Inoltre, si aggiunge un nuovo problema, quello del trasporto, perché gli anziani di Spoltore capoluogo, che sono la maggior parte dei frequentatori del centro, non avranno più la possibilità di raggiungere giornalmente la nuova sede di Villa Raspa.
«Nell'attesa di rivedere l'intera programmazione relativa all'associazionismo spoltorese, e magari lasciandosi anche ispirare dal vento europeo, che non è solo il campionato di calcio», attacca ancora Febo, «era importante prolungare lo status quo per qualche mese, nell'attesa di individuare modi e mezzi finanziari adeguati, come per esempio una nuova sede, di proprietà del Comune, da destinare a uso esclusivo del Centro Sociale, a costo zero per le casse comunali».
L’esponente dell’opposizione annuncia fin da ora proposte di emendamento al bilancio di previsione 2012, che si adotterà al prossimo Consiglio comunale, volte a sostenere le spese del centro sociale nel centro urbano e delle altre realtà di aggregazione giovanile.

IL SINDACO: «FEBO DISTRATTA»

«Temo che la consigliera Marina Febo, trascorrendo gran parte del tempo all’estero, non abbia la possibilità di seguire attentamente ciò che avviene nella città di Spoltore. Nei giorni scorsi abbiamo incontrato più volte gli anziani che frequentano il centro sociale Lo Svago, trovando la soluzione provvisoria più adeguata». È quanto ha affermato il sindaco Luciano Di Lorito, ripercorrendo le tappe di una vicenda che interessa l’intera comunità di Spoltore e non solo i cittadini del centro storico.
«È bene fare chiarezza una volta per tutte – ha aggiunto il primo cittadino - il servizio non è stato affatto smantellato e la sede dell’ex delegazione comunale a Villa Raspa è stata scelta dagli stessi anziani, ai quali è stata anche data la possibilità di una seconda opzione: la società operaia nel centro storico. I diretti interessati hanno votato all’unanimità per la prima. Inoltre, è bene precisare che l’amministrazione ha preferito trasferire il centro in uno stabile di proprietà comunale, piuttosto che continuare a pagare affitti salati. È in atto una ricognizione di altri locali di nostra proprietà per trovare quella che potrebbe essere la soluzione definitiva più opportuna per gli anziani di tutto il territorio».