SPESA PUBBLICA

San Salvo, polemica su debiti extra bilancio: non ci sono

Il verbale del commissario Di Baldassarre parla di finanze in equilibrio

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1996

Marchese con Rosy Bindi

Marchese con Rosy Bindi

SAN SALVO. Dice di aver trovato i conti a posto, nessun debito extra bilancio ed un ago della bilancia in perfetto equilibrio.

Il commissario straordinario del Comune di San Salvo, Daniela Di Baldassare, mette a tacere le voci sollevate su presunti debiti extra bilancio dell’ex amministrazione comunale Marchese.
Il documento chiarificatore è datato al 30 settembre 2011 (esattamente più di un mese dopo da quando l’ex sindaco Gabriele Marchese ha lasciato il timone il 23 agosto 2011) ed analizza l’esercizio finanziario del 2011. Il verbale preciso e puntuale non lascia ombra di dubbio.
Dice il commissario: «ad un’attenta analisi del servizio finanziario dell’ente non risultano situazioni tali da far prevedere l’alterazione degli equilibri di bilancio e tali da chiedere l’adozione di provvedimenti di riequilibrio». E ancora il commissario spiega che eventuali maggiori o minori residui attivi presunti di tale esercizio sono tali da non determinare effetti negativi sul risultato complessivo di gestione.
All’occhio attento della Di Baldassare, poi, non sono risultati debiti fuori bilancio e non sussistono ulteriori cause straordinarie che inficiano il realizzarsi degli equilibri.
Dal canto suo il commissario si impegna a mantenere la situazione attuale così com’è.
A scatenare il polverone era stato il Pd che, con Arnaldo Mariotti in una seduta di consiglio ha denunciato debiti fuori bilancio per oltre 250.000 euro. Secondo lui, come riportato su organi di stampa, il commissario prefettizio «ha riscontrato debiti fuori bilancio e senza la necessaria copertura finanziaria per ben 267.006,18 euro per spese legali. E per coprirli erano già stati impegnati fondi del bilancio 2012, alcuni previsti per il 2013 e per il 2014».
«Tutto questo», ha detto l’ex sindaco Marchese a proposito del documento,« per chiarezza e trasparenza nei confronti della città e di quanti hanno sollevato dubbi e perplessità. Ogni ulteriore commento circa presunti debiti è superfluo».