M,USEI

Museo Barbella: Maria Gatta è il nuovo direttore

Di Giuseppantonio: «straordinaria collaborazione fra Stato ed Enti locali»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

5167

Museo Barbella: Maria Gatta è il nuovo direttore
CHIETI. Maria Gatta, storico dell’arte, Funzionario della Soprintendenza per i beni storico artistici dell’Abruzzo, è stata designata per la Direzione del museo d’arte “Costantino Barbella” di Chieti.

La nomina verrà formalizzata nei prossimi giorni. Del Barbella si è parlato nel corso di una riunione alla quale, oltre al futuro direttore, hanno preso parte la Soprintendente Lucia Arbace, il presidente Enrico Di Giuseppantonio, l’assessore alla promozione turistica del Comune di Chieti Marco Russo e l’assessore provinciale alla cultura Remo Di Martino, dirigenti e funzionari del Comune di Chieti e della Provincia.
«Con la nomina del Direttore gettiamo le basi per il rilancio del Barbella e muoviamo passi importanti con il Comune, che ha istituito un tavolo tecnico per l’offerta culturale, per la realizzazione nella città capoluogo di un Polo museale che dovrà avere la capacità capace di attrarre visitatori e turisti – dice il presidente Di Giuseppantonio. Vorrei anche sottolineare la straordinaria collaborazione fra la Soprintendenza, ovvero lo Stato, e il Comune e la Provincia, che oggi ci consente di restituire al Barbella una direzione di prestigio praticamente a costo zero per i cittadini. Sia la Provincia, che si trova nella impossibilità d assumere a causa delle ben note difficoltà economiche, sia il Comune, infatti, non sosteranno alcun onere finanziario per la Direzione del Barbella. Contiamo inoltre di realizzare un sito internet interamente dedicato al Museo in modo da garantire a tutti una visita virtuale ai tanti capolavori dell’arte che esso custodisce».
«Grazie alla disponibilità della Soprintendenza, ed in particolare di Arbace – dicono gli assessori Di Martino e Russo – abbiamo centrato un obiettivo che consentirà al Barbella di ripartire e di mettere in campo progetti culturali capaci di trasformarlo in un forte attrattore culturale. E’ il primo risultato significativo del tavolo tecnico di cui fanno parte Comune, Provincia e Soprintendenza: a questa seguiranno altre iniziative per la valorizzazione della proposta turistico-culturale di Chieti».