LA POLEMICA

Penne, per Baldacchini (Pdl) «pressione tributaria alle stelle»

Il coordinatore del Pdl invoca le dimissioni del sindaco

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2046

Penne, per Baldacchini (Pdl) «pressione tributaria alle stelle»
PENNE. Stretti nella morsa dell’Imu, dell’Irpef e chissà di quanti altri balzelli.


Si preannuncia così il futuro dei cittadini pennesi secondo il capogruppo del Pdl in Comune, Antonio Baldacchini.
I presupposti ci sono tutti, a partire dall’aumento della pressione fiscale lievitata dal 2008 al 2011 in maniera vertiginosa. Secondo i dati del rendiconto finanziario 2011, l’indice di pressione tributaria gravante su ogni cittadino (compresi i neonati) è stato di 497,59 euro nel 2011, rispetto ai 286,30 euro del 2010 ed ai 280,21 euro del 2008.
Ad aumentare in questi anni è stata anche la spesa in contro pro capite (investimenti per la Città) triplicata rispetto al passato. Si è passati infatti dai 26,54 euro del 2008 investiti per ogni cittadino a 228,81 euro del 2011.
Questo perché, secondo Baldacchini, «il sindaco per le elezioni amministrative comunali del 2011, ha acceso mutui per la manutenzione straordinaria delle strade e per la riqualificazione di piazza Luca da Penne (mai effettuata)». A tutto questo si somma un disavanzo di 277 mila euro che chiude il bilancio del 2011.
L’unica strada, per il capogruppo, resta quella delle dimissioni del sindaco. «Qualora questa maggioranza», dice,  «dovesse aumentare ancora la pressione fiscale nel prossimo bilancio 2012, e ci riferiamo a Imu e addizionale Irpef comunale, il sindaco Rocco D’Alfonso, come ha annunciato recentemente sulla stampa, dovrà dimettersi. Il suo impegno amministrativo, infatti, è fallimentare: questa volta parlano i dati».
Non è di certo la prima volta che il pidiellino scende in campo contro l’amministrazione D’Alfonso lamentandone «una gestione finanziaria fallimentare con casse in rosso, contenziosi aperti, cifre da sborsare, debiti fuori bilancio».