AMMINISTRATIVE 2012

Elezioni Scafa, Giancola: «amministrazione sobria, umile e competente»

L’esponente del Pdl sfida Chiacchia

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2484

Elezioni Scafa, Giancola: «amministrazione sobria, umile e competente»
SCAFA. «Un’amministrazione cittadina sobria, coesa, competente, umile, un’amministrazione normale, capace di riconoscere dignità alle persone e alle cose».

E’ l’obiettivo che la lista civica ‘Il Bene di Scafa’ intende realizzare. Lo ha detto il candidato sindaco al Comune di Scafa Maurizio Giancola, avvocato, 53 anni, sposato con tre figli, nel corso della presentazione della lista n. 1 ‘Il Bene di Scafa’.
Giancola sfida Gianni Chiacchia, componente dell'attuale maggioranza di centrosinistra.
Alla cerimonia sono intervenuti anche Lorenzo Sospiri, coordinatore provinciale del Pdl, Nicoletta Verì, presidente della Commissione regionale Sanità, e Angelo D’Ottavio, sindaco di San Valentino in Abruzzo Citeriore.
«Vivo a Scafa – ha proseguito il candidato sindaco Giancola -, ci lavoro e sono fortemente legato al mio paese. Ed è proprio l’amore per Scafa che mi ha spinto a candidarmi alla sua guida, aggiungendo così, in caso di successo, agli impegni professionali e familiari quelli amministrativi».
Presenti tutti i componenti della lista ‘Il Bene di Scafa’: Dana Cornelio, commercialista, Lanfranco Ciamponi, dipendente Miur, Valter De Luca, geometra, Marco D’Ettorre, assicuratore, Giuliano Di Fiore, dipendente Arpa, Fabio Antonio Di Venanzio, psicologo e ottico, Valentino Gigante, Maresciallo dei Carabinieri in pensione.
«Per il rilancio economico, sociale e culturale del paese – ha continuato il candidato sindaco Giancola - la nostra proposta si basa sul presupposto che tutti gli interventi da porre in essere devono fare sistema. Le necessità delle attività commerciali, artigianali e dei servizi in genere, devono essere contemplate contemporaneamente e legate alle scelte strategiche di trasformazione del territorio».
«Crediamo fortemente – ha detto il coordinatore Sospiri – nella vittoria della lista ‘Il Bene di Scafa’ al di là delle appartenenze politiche, in quanto l’unico interesse che anima queste persone è il bene comune del paese. Tanti sono già stati gli obiettivi raggiunti in passato da alcuni componenti della lista come opposizione. E’ arrivato il momento per Scafa di cambiare passo e di dare loro l’opportunità di governare per portare a compimento tali conquiste».