RIFIUTI

Grasciano 2, Verrocchio (Pd) contro «commissariamento vergogna»

Il segretario provinciale: «i poteri restino al Cirsu»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2179

Grasciano 2, Verrocchio (Pd) contro «commissariamento vergogna»
GIULIANOVA. «Quanto sta accadendo in questi giorni sulle discarica di Grasciano è una vergogna».

A dirlo è il segretario provinciale del Partito Democratico, Roberto Verrocchio, al margine del convegno “Rifiuti Zero” organizzato dai circoli Pd della Val Vibrata ieri a S. Omero. Il riferimento è al commissariamento per la riattivazione della discarica di Grasciano predisposto dall’assessore regionale all’Ambiente Mauro Di Dalmazio. L’operazione determinerebbe il passaggio di poteri dal Cirsu alla Regione.
Secondo Verrocchio commissariare il consorzio a poche settimane dalla riapertura (prevista entro aprile) non è una scelta saggia e l'attuale consiglio di amministrazione del consorzio, formato da tecnici scelti dai sindaci, dovrebbe poter proseguire liberamente il suo compito.
L’esponente del Pd, poi, ha puntato il dito contro l’amministrazione di centrodestra colpevole di non aver attuato in questi anni di governo una politica adeguata per il polo tecnologico di Grasciano.
«Da quando il centrodestra è andato al potere alla Provincia e alla Regione», ha detto, «nulla è stato fatto in materia di gestione dei rifiuti e anzi oggi ci si ritrova nella paradossale situazione che l'assessore regionale in materia commissaria Valter Catarra, che in questi anni avrebbe dovuto provvedere risolvere una questione rifiuti che in provincia di Teramo si è andata sempre più aggravando. Forse ha fatto comodo a qualcuno che il polo rimanesse chiuso».
Verrocchio è poi tornato sull’appalto dei servizi raccolta e trasporto rifiuti che in questi giorni i sindaci soci del consorzio stanno organizzando. La soluzione migliore, ha detto, «sarebbe quella di designare il Cirsu come stazione unica appaltante, non solo come garanzia per l'uniformità del servizio ma anche per tutelare i tanti dipendenti oggi in difficoltà». La decisione commissariamento http://www.primadanoi.it/news/526245/Discarica-di-Grasciano-interviene-la-Regione-con-i-poteri-sostitutivi.html è stata accompagnata da una serie di dubbi. Si dice che sia avvenuta dopo il ricorso che la Sogesa (società di servizi di igiene ambientale che fa capo al Cirsu) ormai in liquidazione avrebbe sollevato dinanzi al Presidente della Repubblica contro l’autorizzazione integrata ambientale che sarebbe stata trasferita da Sogesa a Cirsu.