POLITICA

Celano, «i primi due anni di semina, nei prossimi la raccolta»

Il 10 aprile primo consiglio post dimissioni di Piccone

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1640

Giuliante e Piccone

Giuliante e Piccone

CELANO. «I primi due anni di governo sono serviti allo sviluppo della pianificazione e della progettualità che la cittadinanza chiaramente non conosce. Nei prossimi anni, come ci auguriamo tutti, cominceremo a vederne i risultati».

Parola del consigliere Francesco Stornelli che ha fatto un bilancio sull’amministrazione Piccone. Intanto c’ è grande attesa per il consiglio comunale di Celano previsto per oggi. Il primo dopo le dimissioni del sindaco Piccone che ha ancora qualche giorno di tempo per ritornare sui propri passi. Nell’assise civica, si discuterà di tasse e bilancio di previsione 2012 e di molto altro. «Nessun passo indietro sui lavori in piazza Aia», ha precisato Stornelli.
Un mese fa il gruppo Unitinsieme per Celano (i consiglieri comunali del Pd, Carlo Cantelmi, Antonello Di Stefano, Aniceto Ciaccia, Calvino Cotturone, Nazareno Tiberi, Daniele Bombacino), ha avanzato una serie di proposte tese a ridurre i costi della macchina amministrativa. Dall’eliminazione nell’organico del comune di Celano della qualifica di “dirigente” alla riduzione dello staff del sindaco ad un semplice ufficio di segreteria con una sola persona. I soldi risparmiati, secondo i consiglieri, sarebbero serviti per abbassare ai cittadini le tasse e i costi di alcuni servizi: diminuzione dell'Irpef, dei costi degli asili nido, dei buoni pasto nelle scuole, ed altro ancora.
Un’idea (la riduzione delle tasse) ritenuta oggi fuorviante da Stornelli. «Il problema è molto più serio ed articolato», ha dichiarato, «mi sembra di assistere alla solita e stucchevole propaganda che vuole gettare fumo negli occhi dei cittadini stravolgendo la realtà dei fatti».
Altro punto su cui il consigliere esprime dubbi è la mozione contro l’abbattimento dell’edificio scolastico di Piazza Aia, presentata dal gruppo consiliare “Unitinsieme per Celano” in data 12.12.2011.
« Il progetto del Parco Urbano», ha detto, « che dovrebbe essere realizzato a piazza Aia è stato oggetto di osservazioni da parte del centrosinistra. A loro confermo la ferma volontà dell’amministrazione di andare avanti nell’iniziativa; a differenza di quanto molti pensano, su Piazza Aia più volte abbiamo dibattuto in maggioranza e da amministratori ragionevoli abbiamo deciso semplicemente di realizzare il parco contestualmente alla realizzazione del Campus scolastico in Via la Torre».
Tra gli altri temi da trattare rientreranno la quantità e qualità delle aree e fabbricati da destinare alla residenza, alle attività produttive e terziarie da cedere in proprietà o in diritto di superficie, la determinazione del valore dei terreni nell’ambito della pianificazione urbanistica comunale anche per gli effetti della indennità espropriativa, l’ approvazione del piano delle alienazioni e valorizzazioni immobiliari, del programma triennale dei lavori pubblici per il triennio 2012/2014 e dell’elenco annuale 2012.
Su un punto Stronelli ha le idee chiare: la Giunta Piccone è stata importante per Celano. «I Celanesi tutti, indistintamente», ha concluso il consigliere, «sapevano che Filippo Piccone non sarebbe stato un sindaco qualunque di una cittadina di 12.000 abitanti ed è anche per questo che ha ed abbiamo stravinto le elezioni». Poi il consigliere ha ricordato che grazie alla sua carica da senatore il sindaco ha presentato al senato un emendamento con il quale arriveranno a Celano «dai 30 ai 40 milioni di euro attraverso l’impianto fotovoltaico».
Intanto nei giorni scorsi il primo cittadino ha risposto su Il Centro alle anticipazioni del dossier di Libera sui Map fantasma di Celano. «Peccato», commenta Angelo Venti di Libera, «che la stessa redazione non ha mai pubblicato la notizia delle anticipazioni del nostro dossier».