PIANELLA

Pianella, rifiuti e area scolastica: l’opposizione incassa l’unanimità del Consiglio

Passano due mozione della minoranza

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1704

Pianella, rifiuti e area scolastica: l’opposizione incassa l’unanimità del Consiglio
PIANELLA. Il capogruppo del Pdl –Udc, Sandro Marinelli, esprime soddisfazione per l’esito delle votazioni dell’ultimo consiglio comunale. Le due mozioni presentate dal gruppo di minoranza hanno infatti incassato l’unanimità dei consensi.

«Finalmente», dicono Marinelli, Aramini e Berardinucci in una nota, «dopo anni di insistenze e grazie anche alle indicazioni che provengono in tal senso dal Governo, siamo riusciti ad impegnare l’amministrazione Comunale di Pianella ad abbandonare la gestione “in house” del servizio di raccolta e smaltimento rifiuti per aprirsi ad una gara pubblica con un risparmio che si stima possa raggiungere i 300.000 euro annui ed incrementare ulteriormente la già considerevole percentuale di raccolta differenziata».
Altra importante deliberazione attiene alla regolamentazione dell’utilizzo dell’area scolastica di Villa De Felici, per la quale si è stabilita la definitiva destinazione ad area ricreativa fino alle ore 20.
«Abbiamo finalmente stabilito – continua Marinelli – che l’area scolastica è destinata solo ed esclusivamente al transito pedonale senza alcuna eccezione e che, pertanto, deve essere precluso fisicamente l’accesso ai veicoli, che invece, ultimamente si addentravano numerosi all’interno della zona riservata, così come si è ottenuta l’apertura dell’area anche nei giorni festivi fino alle ore 20, scongiurando i pericoli che correvano i ragazzi costretti a scavalcare la recinzione per accedere all’area. In conclusione di seduta abbiamo presentato anche due interpellanze finalizzate alla verifica di alcuni servizi dati in appalto a società esterne ed in particolare la mensa della scuola dell’infanzia e lo stadio “Nardangelo”, quest’ultimo lasciato in stato di semi abbandono».
« Con le nostre ultime iniziative- concludono i tre consiglieri della minoranza – abbiano voluto ulteriormente dimostrare l’attenzione costante alla tutela dei diritti e degli interessi collettivi a prescindere dalle convenienze opportunistiche ed elettorali, con il preciso scopo di differenziarci nettamente da coloro che intendono svolgere il ruolo di consiglieri comunali solo per visibilità personale mediante lettere e volantini, ma senza essere in grado di articolare mai una proposta sensata o assumere posizioni politiche coerenti con i proclami pubblici».