AMMINISTRATIVE 2012

Luciano di Lorito: «città danneggiata dagli scandali, ora si cambia»

Appoggio di Idv, Pd, Fli, Udc

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2036

Luciano di Lorito: «città danneggiata dagli scandali, ora si cambia»
SPOLTORE. Sabato mattina c’è stata la presentazione del candidato sindaco alle elezioni amministrative del 6 e del 7 maggio 2012, Luciano Di Lorito.

Con lo slogan "Costruiamo insieme il futuro della città", Di Lorito ha il sostegno dell'IdV, del Pd, di Fli e dell’Udc. Alla conferenza stampa hanno partecipato, infatti, il senatore Alfonso Mascitelli, segretario regionale dell'IdV Abruzzo, Antonio Castricone, segretario provinciale del Pd di Pescara, Mirko Velluto, segretario provinciale di Fli Pescara e Antonello De Vico, segretario provinciale Udc Pescara.
«Spoltore deve diventare città protagonista dell’area metropolitana e riconquistare la fiducia dei cittadini – ha affermato il candidato -. Obiettivi che possono essere raggiunti solo mettendo insieme una macchina amministrativa che sia in grado di dare risposte certe in tempi celeri. Vogliamo cambiare il volto di questa città, danneggiata dagli scandali giudiziari che hanno coinvolto la precedente amministrazione. Tra le priorità al centro del nostro programma di governo, una solida riorganizzazione della struttura all’interno del Comune e quindi una semplificazione amministrativa».
«A Spoltore ricominciamo da tre (citando Troisi): innanzitutto perché ripartiamo da un buon candidato Sindaco, che ha saputo proporsi e non imporsi – ha dichiarato il senatore Alfonso Mascitelli -. In secondo luogo perché si ricomincia da un insieme di intese e collaborazioni nate da tempo e formata da una serie di partiti che appoggiano Luciano Di Lorito e non le ideologie. E infine, si riparte da un buon governo della città, che farà da subito riforme a costo zero per il bene di Spoltore».
La pensano così anche i segretari provinciali del Pd, Fli e Udc, secondo cui la coalizione allargata è «fondamentale per la crescita della città».