TORTORETO

Tortoreto, piccioni e monumenti: 600 euro per pulire statue e chiese

Interventi contro l’inquinamento animale ed urbano

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2994

Tortoreto, piccioni e monumenti: 600 euro per pulire statue e chiese
TORTORETO. Misure contro i piccioni, impiego di operatori ecologici, soluzioni di micro design.

E’ il progetto di riqualificazione ambientale del Borgo di Tortoreto alto sottoposto al Comune dall’associazione civica “Tortoreto Merita” in collaborazione con l’architetto Milo Marrancone.
Il costo complessivo dei lavori, secondo un preventivo approssimativo, si aggira intorno ai 600 euro.
«Vogliamo porre rimedio» ha specificato l’associazione, «a un annoso problema con una soluzione concreta al fine di perseguire il bene comune». L’idea ha preso le mosse dalle condizioni «indegne», secondo l’associazione, in cui versano alcune opere d’interesse cittadino.
Si tratta ad esempio della chiesa di Sant’Agostino che ospita al suo interno il famoso quadro di Mattia Preti e degradato causato dalla presenza di piccioni. Stesso problema riguarda la Torre Cilindrica retrostante la chiesa di San Nicola.
Le misure in progetto vanno da una ripulitura generale con ausilio di operatori ecologici alla installazione di nuovi dissuasori profilato a spilli e dissuasori elettrici a basso voltaggio nella facciata anteriore della chiesa di Sant’Agostino. Per evitare la nidificazione dei volatili è necessario, secondo il piano ostruire i circa ottanta fori presenti nella facciata posteriore della chiesa seicentesca con soluzioni di micro design ottenendo un disegno originale che renda il centro storico più colorato agli occhi di turisti e abitanti.
Per la Torre cilindrica dove dopo aver effettuato un’accurata pulizia interna si potrà infine procedere all’installazione di una rete permanente per ostruire l’ampia apertura e alla creazione di un’immagine attraverso soluzione di micro design.
L’elaborato consultabile sul sito internet www.tortoretomerita.it si compone di tre tavole. Nella prima è evidenziato il degrado dovuto alla massiccia presenza dei piccioni (il colore rosso indica le aree dove l’impatto è più elevato, in giallo e blu sono le zone che necessitano dell’intervento di ripulitura con l’ausilio di operatori ecologici o di un’impresa competente). Poi, nella tavola due è indicata la facciata anteriore della Chiesa di Sant’Agostino e nella terza le soluzione di micro design.
I costi provvisori stimati per l’operazione comprendono 250 euro per un giorno per la pulizia, 250 euro per l’ acquisto dissuasore per la Chiesa, 100 euro per il posizionamento e trasporto gru.
«Non è nostra intenzione», ha specificato l’associazione, «indicare un soggetto realizzatore del piano. Il progetto potrà essere soggetto a modifiche e aggiunte in base alle norme vigenti».