POLITICA & SPESE

60 mila euro per il nuovo look della Provincia. Idv protesta

L’impianto super tecnologico da 40 mila euro non funziona

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1399

60 mila euro per il nuovo look della Provincia. Idv protesta
PESCARA. 20 mila euro per le poltrone in pelle dei consiglieri. 40 mila euro per l’impianto audio-video.

La sala consiliare della Provincia di Pescara si rià il look e la consigliera Antonella Allegrino attacca: «ma non c’era rigore sulla spesa?»
Fatto sta che circa un anno fa l’ente ha impegnato e speso circa 40mila euro per ammodernare i servizi tecnologici della Sala Consiliare e altri 20mila per delle nuove poltrone in pelle. Ma ad oggi, a parte le carissime poltrone, l’investimento, non produrrebbe gli effetti sperati perché quell'impianto non funziona e la maggioranza che lo aveva voluto per assicurare ai lavori consiliari maggiore trasparenza, «non sembra preoccuparsene più di tanto», denuncia la consigliera d’opposizione.
Secondo l’esponente dell’Idv le risorse appartenenti alle spese istituzionali sono state impiegate per quello che doveva essere l'adeguamento tecnologico e multimediale di tutte le strumentazioni a supporto dei lavori consiliari. Sistema che sostituiva anche il vecchio sistema di diffusione audio e avrebbe dovuto rispondere ad avveniristiche esigenze di rendicontazione delle sedute consiliari: dalla rilevazione automatica presenze in aula e nuovi sistemi di votazione elettronica, alla trasmissione in streaming dei lavori consiliari, all'archiviazione delle sedute, all'indicizzazione interventi e alla migliore rintracciabilità negli archivi multimediale di argomenti e atti.
Ma ad oggi tutto questo non funziona, eppure la ditta appaltatrice ha già riscosso i 38.836 euro fissati e il 9 agosto scorso, un collaudo ha dato esito positivo. Invece, non solo a metà settembre sono stati pagati altri 1.140 euro alla ditta fornitrice perché adeguasse l'impianto a quello elettrico della sala, ma dopo più di un anno dall'appalto non c'è traccia dell'ammodernamento promesso.
«Il personale della Provincia», spiega Allegrino, «deve essere formato per poter far funzionare il tutto. E di corsi di formazione, manco a dirlo, fino ad oggi nemmeno l'ombra, malgrado i conti per il servizio richiesto siano stati pagati mesi fa».
Non solo, perché l'ammodernamento fosse tangibile, la Presidenza del Consiglio ha deciso di rinnovare anche le poltrone dell'assemblea, sostituendo le 34 esistenti con altrettante in pelle, costate 19.366,80, perché fossero «adeguate al tono istituzionale della Sala».
«A questo restyling mi sono opposta», ha ricordato Allegrino, «dall'inizio non solo perché non era necessario, ma per via del segnale che una spesa così alta, dava e dà al territorio, in un momento in cui altre voci in bilancio, magari più di sostanza che di forma, specie nel sociale, avrebbero bisogno di essere considerate di più dalla maggioranza e invece subiscono solo tagli in nome di un rigore di cui la maggioranza pubblicamente si riempie la bocca, ma poi non fissa fra le priorità dell'ente».