POLITICA

Vasto, il centrosinistra trova un nuovo slancio. Pdl: «fiera delle ovvietà»

La maggioranza si ricompatta e rilancia il proprio programma

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1779

Vasto, il centrosinistra trova un nuovo slancio. Pdl: «fiera delle ovvietà»
VASTO. Dopo la verifica politico-amministrativa, richiesta da Giustizia Sociale, la maggioranza di centrosinistra si è ricompattata.

Al termine dell’incontro, le forze politiche hanno ritrovato nuovo entusiasmo e spirito di gruppo per affrontare le numerose questioni che interessano la città. La maggioranza si è confrontata sui diversi argomenti che da tempo sono al centro del dibattito politico. Sul bilancio di previsione 2012 sono stati sciolti alcuni nodi legati alla sua stesura con l’impegno di portare all’attenzione dei consiglieri comunali il documento di previsione per la successiva approvazione.
Su Fosso Marino, invece, si è ribadito che il 20 marzo sarà conclusa la gara d’appalto e, con l’approvazione del bilancio, verrà formulata la successiva assegnazione per l’inizio dei lavori. Con quest’atto il Comune adempie al proprio compito impegnandosi, nel contempo, a sollecitare la Sasi per la risoluzione di quanto di sua pertinenza. Per quanto riguarda il Parco Nazionale della Costa Teatina la maggioranza di centrosinistra ha annunciato che si farà carico di convocare una conferenza immediata «con tutte le forze politiche, con i parlamentari, i consiglieri regionali e provinciali, i sindaci per rilanciare il dibattito sulla realizzazione del Parco».
Si chiederà un incontro anche con la Provincia. Sulle centrali a Biomasse e nuovi insediamenti industriali nella zona di Punta Penna si vuole chiedere, invece l’intervento del Consiglio Regionale. La maggioranza, inoltre, ribadisce la propria contrarietà ad ogni progetto industriale «che risulti incompatibile con la tutela ambientale della Riserva Regionale di Punta Aderci e pregiudizievole allo sviluppo turistico ed economico ad essa collegato».
«L’unica verifica che emerge dal conclave della maggioranza, per i Vastesi, è che nel centrosinistra permane stagnante la crisi politica», commenta Etelwardo Sigismondi, consigliere comunale del Pdl.
«La dimostrazione – ha spiegato Sigismondi - è il documento emanato al termine della riunione, che rappresenta un autentico testamento di ovvietà, teso esclusivamente a trattare argomenti sui quali, già in passato, l’Amministrazione, seppur faticosamente, aveva raggiunto un tregua interna. Prendiamo atto che dalla verifica non emerge alcuna linea di rilancio dell’attività amministrativa. Basti pensare che l’unico impegno preso dalla compagine a guida Lapenna, è un obbligo di legge, ossia ‘portare all’attenzione dei Consiglieri comunali il documento di previsione per la successiva approvazione’. Dal documento del centrosinistra – ha proseguito il Consigliere del Pdl - emerge inoltre, in maniera preoccupante, che sui grandi temi come la pianificazione urbanistica, permangono forti contrasti a tal punto da dover rimandare ad altro momento qualsiasi decisione».