LA PROTESTA

L’Aquila Capitale della Cultura? Il tempo sta per scadere

Per il Pd «nessun impegno da parte della Regione»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3449

L’Aquila Capitale della Cultura? Il tempo sta per scadere
L’AQUILA. Dopo la Zona Franca Urbana un altro progetto per L’Aquila sembra destinato a morire, ancora prima di nascere.

A giugno scadono i termini per la presentazione della candidatura dell’Aquila a ‘capitale europea della cultura 2019’ e a oggi la Regione non ha ancora portato avanti alcuna iniziativa a sostegno di questo progetto. Lo ha denunciato questa mattina il vice presidente del Consiglio regionale Giovanni D’Amico che, insieme al consigliere regionale del Pd Giuseppe Di Pangrazio e all’assessore del Comune dell’Aquila Stefania Pezzopane, ha illustrato il testo di una risoluzione che sarà portata all’esame del Consiglio regionale nella prossima seduta del 20 marzo.
Nel documento si impegna la Giunta regionale e il presidente Chiodi «a disporre il reintegro dei fondi (pari a 20mila euro) stanziati nella Finanziaria 2010 e mai impegnati, oltre a condividere con il Comune dell’Aquila – coinvolgendo le Province, le città capoluogo, le istituzioni, le associazioni culturali, gli enti e gli operatori economici presenti sul territorio abruzzese – gli obiettivi da prefigurare per consentire la presentazione della candidatura entro la metà del 2012».
Per D’Amico e Di Pangrazio «si tratta di un’opportunità da non perdere, anche perché cade nel decimo anniversario del terremoto e potrebbe rappresentare l’occasione per fare il punto e riflettere sui temi della ricostruzione».
Il progetto ha cominciato a farsi strada dal 2009 quando il presidente Chiodi ha inviato all’ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, su indicazione dell’assessore Di Dalmazio, la richiesta per la candidatura de L’Aquila. La risposta è arrivata da Gianni Letta che ha definito la richiesta «una iniziativa eccellente».