AMMINSTRATIVE 2012

Elezioni Spoltore, Terra Nostra schiera Luciano Troiano

«Usciamo allo scoperto, con il nostro logo e il nostro movimento»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3252

  Elezioni Spoltore, Terra Nostra schiera Luciano Troiano
SPOLOTRE. Il primo candidato sindaco di Spoltore è Luciano Troiano, presidente dell’associazione ‘No rifiuti a Fosso Grande’.

L’ufficializzazione è arrivata da Antonio Demenego, coordinatore Terra Nostra-Spoltore, l’associazione che ha deciso di puntare sul giornalista, «persona integerrima, profondo ecologista». Ormai le elezioni a Spoltore sono alle porte e le due coalizioni maggiori continuano a tergiversare.
Nessuno dei due schieramenti vuol dichiarare chi saranno i loro candidati «Stiamo assistendo alla solita solfa», denuncia Terra Nostra, «alle solite strategie da vecchia politica, quella politica che non vuol rendersi conto che i tempi sono cambiati da parecchio, che la gente è stanca ed adirata ed aspetta un cambiamento, che non sopporta più la trasversalità ed i cambi di giacca o salti della quaglia, ma pretende una soluzione di continuità che ponga fine al vecchio sistema».
Così l’associazione ha deciso di «uscire allo scoperto» e partecipare alla corsa «con il nostro movimento ed il nostro simbolo. Un movimento di persone serie, lavoratrici, attaccate veramente al territorio e che non hanno nulla a che vedere con la politica come si è conosciuta finora».
Al lavoro in questi giorni anche il movimento ‘Spoltore Riparte’ di Gabriele Finocchio. «Competenza, trasparenza e l’impegno quotidiano – ha detto Finocchio -: sono i tre cardini della politica di ‘Spoltore Riparte’ che ha posto al centro la famiglia, la solidarietà, l’efficienza e la serietà. Occorre restituire fiducia ai cittadini sempre più distanti dalla politica e dai politici».
In agenda ci sono le politiche di bilancio «che devono avere quale stella polare la tutela degli interessi pubblici con un programma serio e realmente realizzabile di opere pubbliche che siano utili per lo sviluppo di Spoltore, eliminando le spese superflue e selezionando le priorità».