PRIMARIE CENTRODESTRA

Spoltore e Montesilvano: «vogliamo le primarie del centrodestra»

Componenti 'verso un Pdl europeo’ insistono

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1809

 Spoltore e Montesilvano: «vogliamo le primarie del centrodestra»
PESCARA. Tre date possibili nel mese di marzo. Si faranno?

Tra pochi mesi il voto ed è ancora buio pesto su chi saranno i candidati. Mentre i partiti lavorano per limare candidature e proposte c’è anche chi, però, continua a pensare alle primarie.
Come i componenti della mozione “Verso un Pdl Europeo”, eletti nell’ultimo congresso del Pdl, che hanno chiesto ai vertici del partito nazionale e provinciale di fissare una data precisa proprio per le primarie (anche di coalizione) del Popolo della Libertà nei Comuni di Montesilvano e Spoltore, così come previsto dall’articolo 3 del Regolamento per le Primarie del PDL per i comuni superiori a 15.000 abitanti, enti che a maggio torneranno al voto.
«Le data», spiega Luca Saraceni, portavoce della mozione ‘Verso un Pdl Europeo’, «potrebbe essere quella dell’11 o del 18, anche il 25 marzo per le città abruzzesi che andranno al voto a maggio, così come ricordato il 28 febbraio dal senatore Di Stefano, vice coordinatore vicario regionale per l’Abruzzo e dal neo coordinatore dell’Aquila-Sulmona Alfonso Magliocco».
«Le elezioni amministrative», continua Saraceni, «vedono al proprio centro le persone, non i partiti, e l’intuizione del segretario Angelino Alfano di tenere le primarie, regolamentata dal tavolo delle regole del Popolo della Libertà, per la scelta del candidato, certifica che stiamo davvero andando verso una nuova stagione politica, che vedrà un nuovo rapporto tra i cittadini e la politica».
Secondo Saraceni «il grande successo» delle primarie che si sono già svolte, da ultime quelle di Lecce che hanno visto la partecipazione di circa 18.000 cittadini, dimostra che nei cittadini «c’è grande voglia di partecipazione e di essere ascoltati, senza delegare ad altri le decisioni sugli uomini che andranno ad amministrare gli enti territoriali».