Ecosfera, «Piccone faccia chiarezza sul Piano Strategico Avezzano-Celano»

Consiglieri di minoranza chiedono al sindaco di spiegare

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2891

Filippo Piccone

Filippo Piccone

CELANO. Dopo gli arresti dell’inchiesta Caligola, che coinvolgono direttamente Ecosfera, i dubbi della minoranza di Celano.

CELANO. Dopo gli arresti dell’inchiesta Caligola, che coinvolgono direttamente Ecosfera, i dubbi della minoranza di Celano.
Nel 2009 la società oggi al centro dell’indagine della procura aquilana venne incaricata per la redazione del Piano Strategico dei comuni di Celano e Avezzano.
«Vogliamo chiarezza sul ruolo di Ecosfera e sui sostenitori politici del famigerato Piano». A chiederlo sono i consiglieri comunali del Pd di Celano Carlo Cantelmi, Antonello Di Stefano, Aniceto Ciaccia, Calvino Cotturone e Nazareno Tiberi. Il Piano, costato finora 144mila euro di soldi pubblici, secondo i calcoli dei consiglieri, si poneva l’obiettivo di ridisegnare l’uso del territorio: «fu condizionato pesantemente lo sviluppo economico locale, scavalcando di fatto il ruolo dei Consigli Comunali, democraticamente eletti, affidando ad appositi Uffici, di tecnici nominati, il mandato ad occuparsi di piani regolatori, edilizia scolastica, trasporti pubblici, opere pubbliche», denunciano gli esponenti della minoranza.
Il Piano Strategico preliminare era già stato approvato dal Consiglio Comunale di Avezzano nell’aprile 2011 e dal Consiglio Comunale di Celano nell’agosto 2011. A Celano in quell’occasione il Piano fu approvato dalla sola maggioranza di centrodestra e molte perplessità furono manifestate, sulle finalità del Piano stesso, dai Consiglieri di opposizione.
«Fu lo stesso sindaco Piccone ad illustrare il Piano Strategico e a motivarne le ragioni del voto – continuano nella nota i consiglieri – ed è per questo che sulla vicenda gli chiediamo di fugare necessariamente ogni dubbio su possibili condizionamenti, nella gestione del territorio marsicano, da chi risulta implicato pesantemente in vicende giudiziarie, come nel caso dell’amministratore delegato di Ecosfera e ancora di chiarire i rapporti fra pezzi della politica e dell’imprenditoria locale con Ecosfera e quale sarà il futuro del Piano Strategico».