Primarie centrosinistra Montesilvano, Di Mattia (Idv) batte tutti

Marco Volpe (Pd) si è fermato a 948 voti

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

5870

Di Mattia con Carlo Costantini (IDv)
MONTESILVANO. Con 1465 voti, su 3725 votanti, in 4 seggi su 5, Attilio Di Mattia ha vinto e guiderà la coalizione del centro sinistra. 9 schede nulle totali e 211 votanti tra stranieri e minorenni.

MONTESILVANO. Con 1465 voti, su 3725 votanti, in 4 seggi su 5, Attilio Di Mattia ha vinto e guiderà la coalizione del centro sinistra. 9 schede nulle totali e 211 votanti tra stranieri e minorenni.
Marco Volpe (Pd) si è fermato a 948 voti e nemmeno il sostegno di tutto il suo partito è bastato. In terza posizione Nino D’Annunzio (Pd) con 793 preferenze. A seguire Paolo Di Girolamo, alla sua prima avventura politica con Sel, si è aggiudicato 374 voti. A chiudere la classifica Candeloro Forestieri (Pd) con 94 voti e Pino Costa con 35.
Di Mattia è stato negli ultimi giorni della campagna elettorale bersaglio di critiche a attacchi provenienti dall’interno della coalizione. E’ stato accusato dai Giovani Democratici (che appoggiavano Marco Volpe) si usare metodici politici vecchi, nonostante le giovane età. Non ha risparmiato critiche anche il segretario provinciale del Pd, Antonio Castricone, che ha puntato il dito contro la sua campagna elettorale «faraonica».
«Montesilvano deve diventare – ha annunciato Attilio Di Mattia, che ora sfiderà gli altri candidati del centrodestra, Rifondazione e Liste Civiche eventuali – la nuova capitale commerciale della Vestina costiera. Il prossimo sindaco deve essere ambasciatore della città, deve essere in grado di intercettare i fondi europei, gli investitori, deve saper accaparrare ciò che c’è di buono fuori e deve riuscire a esportare ciò che c’è di buono in Montesilvano».
«Ammiro tanto Attilio – ha commentato il consigliere regionale dell’Idv Carlo Costantini – mi ricorda moltissimo me stesso quando ho iniziato il mio impegno in politica. Credo che abbia una grandissima qualità: essere molto poco politico e tanto cittadino con idee interessanti e costruttive per la città di Montesilvano. Condivido appieno, infatti, il progetto di risanamento del fiume Saline, prima difficoltà da superare per realizzare la nuova identità di Montesilvano».

«Ringrazio i partiti del centrosinistra – ha dichiarato Di Mattia in conferenza stampa, questa mattina a Montesilvano - che mi hanno consentito di vivere questa esperienza e tra loro un ringraziamento particolare al partito democratico che, non ha voluto tirarsi indietro ed ha consentito che la città scegliesse democraticamente il proprio candidato sindaco. Ho già chiamato il segretario regionale del Pd, Silvio Paolucci, e quello di Sel, Gianni Melilla, il segretario provinciale del Pd, Castricone, oltre che naturalmente il segretario regionale dell’Italia dei Valori, Alfonso Mascitelli , per mettermi a loro disposizione in funzione del vero risultato che il popolo del centrosinistra si aspetta: la vittoria alle comunali. Ho poi ringraziato tutti i candidati e chiederò loro di unire le loro esperienze alla mia, per costruire insieme il migliore progetto per il futuro di Montesilvano.
Ringrazio poi i cittadini di Montesilvano, che in una gelida giornata di gennaio, sono venuti in quasi 4.000 a votare».