Nucleare, bocciato l'odg del Pd per tutelare il territorio teatino

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3454

CHIETI. Ieri mattina il Consiglio Comunale di Chieti ha discusso l’ordine del giorno presentato dai gruppi di opposizione - primo firmatario il vice presidente Alessandro Marzoli (Pd)- sulla tutela del territorio da insediamenti per la produzione e lo stoccaggio di energia nucleare e materiale radioattivo.



In attesa di conoscere l'esatta localizzazione degli impianti nucleari è partita la rincorsa per cercare di tutelare i vari territori.
Ma ieri il Pd ha dovuto portare a casa la prima importante sconfitta.
Con il documento si è chiesto, infatti, al Consiglio teatino di pronunciarsi sulla necessità di impegnare sindaco e giunta ad attivarsi presso il Governo nazionale al fine di escludere la Regione Abruzzo, ed in particolare il territorio della città di Chieti e della Provincia di Chieti, dai possibili siti destinati ad insediamenti nucleari.
«Siamo convinti», aveva spiegato Marzoli nel corso della discussione, «che la tutela della salute dei cittadini e la conservazione del nostro territorio, ad alta vocazione turistica, e delle sue eccellenze nel campo dell'agricoltura e della viticoltura siano obiettivi di primaria importanza».
«In opposizione alla proposta», spiega il vice presidente del Consiglio, «il gruppo Pdl ha, invece, annunciato la prossima presentazione di un altro ordine del giorno con il quale si chiede al sindaco di attivarsi per cogliere l'opportunità di avere in futuro insediamenti nucleari teatino».
Una scelta che per l'opposizione appare «totalmente incomprensibile dal momento che viviamo in una terra al alto rischio sismico ed idrogeologico, come peraltro dichiarato nei giorni scorsi dal presidente della Giunta Regionale Chiodi».
Al termine della discussione il Consiglio ha votato dunque a maggioranza contro l'ordine del giorno della minoranza.
«Così facendo», chiude Marzoli, «è stato detto si al nucleare sul territorio teatino».
Adesso bisogna aspettare di vedere quali saranno i prossimi passi.

22/05/2010 9.53