Azienda speciale Montesilvano, Pd: «si ripristini legittimità del Cda»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

5813

MONTESILVANO. Il capogruppo del Partito Democratico di Montesilvano, Adriano Chiulli, ha presentato una interrogazione sull'azienda speciale.


L'esponente della minoranza torna così nuovamente a distanza di qualche mese sulla questione della mancata legittimità in seno al Consiglio di Amministrazione dell'Azienda Speciale per i servizi sociali del Comune di Montesilvano, presentando una interrogazione urgente al sindaco Pasquale Cordoma.
Il Pd aveva già avanzato in passato richiesta al primo cittadino affinché venisse rispettato ilo statuto che prevede la rappresentanza della minoranza in seno al C.d.A. dell'Azienda per i servizi sociali.
«Questo», si legge nell'interrogazione, «per far sì che venisse garantita una maggior trasparenza dell'attività amministrativa in un ambito di importanza strategica per il servizio svolto e per le necessità della città, oltre ad un maggior controllo dei servizi svolti dall'Azienda».
«Tutte le richieste sono state disattese dall'Amministrazione comunale di centrodestra», assicura il capogruppo di minoranza, Adriano Chiulli, «che solo a parole afferma di essere una amministrazione che fa della trasparenza il proprio primario obbiettivo di governo, ma nei fatti non garantisce nemmeno quel minimo di funzione di controllo che la legge attribuisce quale prerogativa della minoranza consigliare. In realtà questa Amministrazione di centrodestra continua a dire delle cose ed a farne altre».
Infatti, secondo quanto racconta Chiulli, «dopo aver affermato in innumerevoli interventi che la trasparenza amministrativa costituisce uno dei principi cardine cui ispirare la propria azione di governo, ad oggi non ha inteso rispettare quelle norme che prevedono che all'interno del consiglio di amministrazione ci sia un rappresentante della minoranza, infatti, quest'ultima, da più di due anni non ha alcun proprio rappresentante nel Consiglio di Amministrazione dell'Azienda Speciale per i Servizi Sociali».
15/03/10 10.18