Pineto, si dimette l’assessore di Rifondazione in rotta col partito

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

5299

PINETO. L’assessore Ida Nardi ha riconsegnato quest’oggi la delega all’urbanistica al sindaco Luciano Monticelli.


L'ormai ex assessore, espressione di Rifondazione comunista, ha deciso di rimettere nelle mani del primo cittadino la delega in attesa che il suo partito chiarisca la situazione che si è venuta a creare all'indomani del contrasto nato proprio all'interno di Rifondazione con il consigliere comunale Marta Illuminati che nei giorni scorsi aveva proposto alla segreteria del partito la sfiducia a Nardi.
«Prendo atto e apprezzo il gesto di Ida Nardi», è stato il commento del Sindaco Monticelli, «la delega all'urbanistica la terrò io in attesa che all'interno di Rifondazione comunista ci siano i dovuti chiarimenti. Nel momento in cui il partito mi dirà che è stata fatta chiarezza sulle posizioni dei loro consiglieri comunali, non esisterò un attimo a riconsegnare la delega nel rispetto degli accordi che erano stati presi all'indomani della vittoria elettorale del centro sinistra a Pineto».
Il primo cittadino pinetese è stato chiaro anche su un'altra questione che era stata sollevata indirettamente nei giorni scorsi a proposito di un possibile rimpasto della Giunta.
«Nella maniera più assoluta», ha precisato il Sindaco Monticelli, «non si procederà affatto con un rimpasto. La squadra degli amministratori è valida, le deleghe sono state assegnate l'estate scorsa nel rispetto degli accordi di programma elettorale e della compartecipazione delle varie forze politiche della coalizione. Ripeto, la questione che è nata in questi giorni ha interessato il partito per la Rifondazione comunista che deve risolvere le questioni interne. La riconsegna della delega di Ida Nardi permette al partito stesso di fare chiarezza e al resto dell'amministrazione comunale di superare quell'immobilismo che si era venuto a creare per via della situazione che si era venuta a creare all'interno di una partito della nostra coalizione. Ma di qui pensare ad un rimpasto dell'esecutivo, ce ne passa».

22/02/2010 17.58