Bruno Di Paolo:«pronto ad essere candidato sindaco di Chieti»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

5242

CHIETI. Il leader della lista civica “Giustizia Sociale” si dice pronto a partecipare alla campagna elettorale della prossima primavera che vedrà l’elezione del sindaco di Chieti.


«Le altre eventuali soluzioni di candidature», spiega Bruno Di Paolo, «sarebbero comunque da valutare in funzione di due fattori: trovare realmente persone espressioni di forze di partito che siano accettate come me dalla città e che abbiano già dimostrato di riscuotere un grosso consenso elettorale o in alternativa coalizioni che condividano con me un programma elettorale finalizzato alla crescita della città. Però, a ben vedere, fino ad oggi, nei due principali fronti politici non si è ancora parlato di programmi, ma solo, come sempre, di accordi a tavolino nell'esclusivo intento di raggiungere la vittoria. Da tutte le parti si parla di cambiamento , si invoca la necessità di dare alla politica una veste diversa ma fino ad ora di diverso dal passato non c'è nulla.
Le solite manfrine ed i soliti giochi e, quel che è peggio, sempre le solite persone».
A queste condizioni Di Paolo dice di non essere affine e si domanda come sia possibile che alcuni tra i più gettonati all'investitura per la corsa alla poltrona di primo cittadino a meno di 90 giorni dalle elezioni «non abbiano nemmeno una parvenza di programma da sottoporre alla cittadinanza?»
«Più probabile invece che la realtà che si presenta ai nostri occhi», conclude, «sia fatta di manovre politiche volutamente fumose che distolgono l'attenzione dai veri problemi e che alla fine, con lo scarseggiare del tempo a disposizione, obbligano i cittadini ad accettare a testa bassa la volontà dei partiti sulla scelta dei candidati Sindaco. Non è certo questo il modo di fare politica e, se davvero si vuole dare un segnale di rinnovamento, direi che i grandi schieramenti sono partiti decisamente con il piede sbagliato e sarebbe opportuno fossero più chiari sulle loro strategie politiche e programmatiche».

05/01/2010 12.16