Testa e i primi sei mesi, Idv critico: «niente di esaltante»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4306

PESCARA. Dopo 6 mesi di governo il governo Testa si è detto più che soddisfatto. Ieri nel corso di una conferenza stampa ha ribadito tutto quello che è stato fatto dal giorno della sua elezione e la soddisfazione espressa è stata tanta.


Di altri parere gli esponenti dell'Idv che siedono in consiglio provinciale. Tanti i punti contestati a partire dal licenziamento del Piano Triennale delle Opere Pubbliche e Bilancio di previsione in Consiglio entro il 31 dicembre.
«Non è una novità», dice il gruppo dell'Idv, «visto che la precedente amministrazione ha sempre rispettato questa tempistica».
Critiche anche sulla scelta di non nominare un Direttore Generale e riduzione dei costi di staff: «in realtà», spiegano i consiglieri d'opposizione, «è la stessa Finanziaria 2010 che abolisce tale figura. Rinunciando al Capo di Gabinetto e affidando i suoi compiti al Segretario Generale, si rinuncia ad una figura indispensabile nei rapporti con Prefettura, Questura, Protezione Civile. Il Segretario, per la delicatezza del suo ruolo, non può fare il Jolly su molteplici fronti e d'altra parte è lo stesso art. 97 della Costituzione a parlare di economicità della Pubblica Amministrazione, ma anche di efficienza».
I tre ponti sul Saline? « Erano stati progettati dalla precedente amministrazione», ribattono dall'Idv, «sono stati ereditati da Testa nel momento in cui andavano solo appaltati».
E l'idea di aprire un nuovo casello sull'A14? «Il famoso Piano di Azione Territoriale (PAT) che mette a fattor comune Fondi strutturali e FAS per lo sviluppo del comprensorio provinciale e approvato dalla precedente Giunta», ricorda ancora l'Idv, «aveva stabilito, in virtù di uno studio del prof. Mascarucci Facoltà di Architettura della D'Annunzio, di aprire un casello autostradale in località Terrarossa di Cappelle sul Tavo, per alleggerire il traffico su Città Sant'Angelo- Montesilvano e allo stesso tempo rilanciare lo sviluppo dell'area Vestina con il contestuale sblocco del secondo lotto della Mare-Monti. Per tale motivo è stato previsto anche un progetto per creare una bretella Cappelle-Spoltore (via Fonte Barco) fino a Pescara (Zona Motorizzazione civile)».
Bocciata dall'opposizione anche l'attenzione per l'Edilizia scolastica: «la principale criticità, una nuova struttura per l'Alberghiero, è costantemente monitorata dall'opposizione in Consiglio, la quale fin da subito ha fatto approvare una mozione che impegnava la Giunta ad operare secondo un indirizzo ed una tempistica ben precisi».
Testa ha definito esaltanti i primi sei mesi del suo governo: «ma esaltanti per chi?», dicono dall'Idv. «Non certo per i cittadini che vedono assente la Provincia dai problemi sociali, occupazionali, economici e da opportunità di sviluppo del territorio; forse esaltanti per un Presidente e otto assessori? Riteniamo che davvero non sia abbastanza».

23/12/2009 15.58