Risorse finanziarie, insorge il centrosinistra a Chieti

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3826

CHIETI. Con un comunicato congiunto i gruppi consiliari di Chieti dell'Italia dei Valori, del Pd, Sinistra e Libertà e Rifondazione Comunista denunciano la sottrazione di risorse finanziarie allo sviluppo e all'occupazione nel territorio provinciale teatino.

Nell'ultimo comitato di sorveglianza del programma relativo ai fondi strutturali europei per le imprese e le pubbliche amministrazioni, fanno sapere i vertici dei partiti in questione, la Regione Abruzzo ha ridotto l'Asse 4 riservato ai Progetti Integrati Territoriali destinati agli enti pubblici ed alle imprese da circa 28 milioni di euro a soli cinque.
«In un sol colpo» – recita il comunicato stampa – «sono stati azzerati mesi di duro lavoro speso tra consultazioni, riunioni e lunghe trattative che hanno coinvolto tutti e 104 comuni del territorio provinciale, di ogni schieramento politico».
Le risorse sono già state assegnate a diversi ambiti territoriali della regione: Avezzano, L'Aquila, Sulmona, Chieti, Lanciano, Vasto, Pescara e Teramo. Il riparto dei fondi aveva previsto l'assegnazione di quasi tre milioni di euro all'ambito di Chieti, Lanciano e Vasto.
Le risorse, inizialmente destinate per la produzione di energia alternativa da parte dei comuni, la valorizzazione dei beni archeologici e culturali, verranno gestite direttamente dalla regione Abruzzo per finanziare la ricostruzione post terremoto del territorio aquilano.
«La decisione è molto grave» – fanno sapere Pd, Italia dei Valori, Sinistra e Libertà e Rifondazione Comunista – «perché vengono sottratte risorse destinate allo sviluppo per essere destinate alla ricostruzione, mentre sarebbe stato necessario prevedere risorse aggiuntive in favore delle popolazioni e delle imprese colpite dal sisma. La decisione della regione non concordata con le provincie porterà effetti negativi sia nei bilanci dei piccoli comuni sia sulle piccole imprese turistiche che si vedono private di importanti risorse finanziarie».
29/07/2009 11.10