PROVINCIALI. Scrutinio verso la fine. Testa festeggia, Di Giuseppantonio vince

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

12089

ABRUZZO. Si avvia alla fine lo scrutinio delle Province. Il centrodestra è in vantaggio. Quasi certa la vittoria a Chieti di Di Giuseppantonio che batte Coletti. A Teramo prevale Catarra.









(INGRANDISCI IL GRAFICO)





Nei capoluoghi di regione si dovrà scegliere il nuovo sindaco sia a Pescara (dopo l'arresto di Luciano D'Alfonso) che a Teramo (dopo l'elezione a Governatore di Gianni Chiodi).
Intanto proprio in queste ore i candidati sindaci di Pescara, Luigi Albore Mascia (Pdl) e Marco Alessandrini (Pd), stanno pranzando insieme, in uno stabilimento balneare della città.
A pagare il conto sarà Alessadrini perché i due avevano fatto una specie di scommessa qualche tempo fa. Luigi Mascia, all'epoca già candidato del centrodestra, aveva previsto che lui e Alessandrini si sarebbero scontrati in questa tornata elettorale ma in realtà il centrosinistra non aveva ancora scelto Alessandrini come candidato. Fu proprio Alessandrini ad assicurare a Mascia che nel caso in cui si fosse verificata un'ipotesi del genere avrebbe pagato un pranzo. E così e' stato.

15.15 – TERAMO: PRIME SCHEDE SCRUTINATE

Alla Provincia di Teramo si stanno scrutinando le primissime schede. Per il momento sono state completate 3 sezioni su 367 per il presidente e 1 su 367 per il consiglio provinciale.
Sono appena poche centinaia i voti conteggiati e Ernino D'Agostino (Pd), presidente uscente, è in vantaggio con il 58,93% (188 voti).
Valter Catarra (Pdl) è al 40,7% (130 voti) e Emanuela Di Giacinto (La Destra) allo 0,31 (1 voto).
Ovviamente è ancora molto presto per tirare le somme.

15.33 – CHIETI: 8 VOTI SU 10 VANNO A DI GIUSEPPANTONIO (PDL)

Primissime schede scrutinate anche alla Provincia di Chieti dove Enrico Di Giuseppantonio ha praticamente fatto incetta dei primi voti portandosi all'86,79% (92 voti). Tommaso Coletti, presidente uscente della coalizione di centrosinistra è fermo al 12,26% (13 voti).
Ovviamente anche in questo caso è prematuro fare bilanci.

15.42 – TERAMO: D'AGOSTINO PERDE QUOTA, AVANZA PDL

15 le sezioni scrutinate e l'ex presidente uscente D'Agostino perde punti. Catarra (Pdl), avanza e si piazza al 52,09%. D'Agostino è al 46%. Tra i due c'è uno scarto di circa 200 voti.

15.42 – PESCARA: ANCORA NESSUN DATO UFFICIALE

Vanno a rilento le operazioni di scrutinio a Pescara per conoscere il nuovo presidente della Provincia. A quasi 60 minuti dall'apertura delle urne non sono ancora pervenuti i primi dati.
Così come tardano ad arrivare i voti ufficiali sull preferenze delle Europee in tutto Abruzzo.

16.15 – PESCARA: SCRUTINATE 6 SEZIONI SU 170

Guerino Testa, candidato del Pdl è in vantaggio con il 56,5% mentre Antonella Allegrino è in rincorsa al 38,4%. Pochissimi i voti conteggiati, prestissimo dunque per fare bilanci. Tra gli altri candidati Di Minco (Rifondazione) ha raggiunto il 3,66%. Con questo risultato non si andrebbe al ballottaggio ma vincerebbe al primo turno Testa.

16.52 – TERAMO: UN TERZO DELLE SCHEDE SCRUTINATE

Procede velocemente lo scrutinio in provincia di Teramo dove si finirà di sicuro prima di Pescara e Chieti. Dopo aver scrutinato un terzo delle schede elettorali è in vantaggio Valter Catarra (Pdl) con il 51,7% delle preferenze e 17.661 voti. A seguire Ernino D'Agostino con il 46,71% (15.927 voti).
Si ferma all'1,48% Emanuela Di Giacinto de La Destra. Con questi numeri Catarra si confermerebbe presidente di Provincia al primo turno senza bisogno di ballottaggio.
Il partito più votato risulta al momento il Pdl con il 30% delle preferenze e 11.005 voti. A seguire il Pd (23,35%) e l'Idv al 7,69%.

17.17 – PESCARA: PDL IN AUMENTO

A Pescara dopo 79 su 392 sezioni scrutinate è ancora in vantaggio Guerino Testa (centrodestra) con il 53,44% di preferenze. A seguire Allegrino (centrosinistra) con il 41,4%. Nella coalizione di centrosinistra l'Idv vola al 13%.

18.07 – TERAMO: CATARRA VERSO LA VITTORIA

Due terzi di sezioni scrutinate in provincia di Teramo e Catarra ancora in vantaggio con il 51,06% delle preferenze. Il Pdl resta il partito più votato della provincia (30,95).
D'Agostino (Pd- Idv) rincorre e si ferma al 47,5% e il Pd arriva al 23,01% delle preferenze. Arriva all'8,50% l'Italia dei Valori.

19.46 – PESCARA: GUERINO TESTA FESTEGGIA

Guerino Testa (Pdl) che ha raggiunto il 53% delle preferenze sta ormai già festeggiando la sua vittoria. «Sta andando tutto molto bene», ha commentato poco fa il candidato del Pdl che è pronto a stappare lo spumante.
«Già andare al ballottaggio», ha detto Testa, «sarebbe stato un successo, se è così sarà formidabile».
«Il centrodestra ha vinto come coalizione», ha aggiunto, e sulla sua avversaria Antonella Allegrino ha detto: «è una persona degnissima» sarà una «grande oppositrice».
L'aspirante presidente ha detto che spera di festeggiare questa notte «insieme a Luigi (Mascia, ndr). La mia è stata una campagna elettorale fatta a tappeto, sono stati gli ingredienti giusti per questa vittoria epocale».