Di Giuseppantonio e Coletti litigano anche sugli interinali

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2435

CHIETI. «Coletti non illuda ancora gli interinali: sa benissimo che non ci sono più i soldi per loro».

Enrico Di Giuseppantonio, candidato alla Provincia di Chieti per il centrodestra chiede all'avversario di non speculare sulla pelle dei lavoratori e cerca soluzioni alternative
«Il presidente Coletti non può continuare ad ingannare gli interinali per potersi garantire il loro voto, come ha fatto recentemente in un incontro con loro: in bilancio non ci sono i soldi per far proseguire il loro lavoro in Provincia», ha detto Di Giuseppantonio.
«Quella degli interinali – ha spiegato – è una vicenda che si trascina da troppo tempo e sulla quale Coletti continua a speculare: sapeva benissimo che non c'erano soldi per farli continuare a lavorare, tant'è vero che prima della scadenza del contratto con la società di lavoro interinale ha operato una variazione di bilancio per garantire una somma necessaria per arrivare al 30 giugno. Dopo tale data, non sarà possibile reperire fondi per salvare quei posti di lavoro precario, per i quali occorrerà, tra l'altro, indire una nuova gara d'appalto comunitaria, essendo il contratto scaduto e non più prorogabile per legge».
Tuttavia, Di Giuseppantonio sottolinea le aspettative e le necessità di tante famiglie che potrebbero rimanere senza un sostegno economico. «Per questo, una volta insediato come presidente della Provincia in caso di vittoria, mi attiverò immediatamente presso il Parlamento e il Governo nazionale per trovare una soluzione che possa andare incontro alle esigenze dell'ente e dei lavoratori. Chiederò a Roma la possibilità di usufruire delle medesime deroghe e dei medesimi fondi concessi ai forestali calabresi qualche anno fa, che si trovavano in analoghe situazioni».

«STRANO L'INTERESSE DI GIUSEPPANTONIO

«È veramente strano che Di Giuseppantonio si interessi degli interinali della Provincia che hanno sempre percepito lo stipendio nelle forme, nei modi e nei tempi dovuti, piuttosto che pensare ai lavoratori dell'ente d'ambito sociale, di cui il suo comune è ente capofila e di cui lui stesso è presidente, i quali da diversi mesi non percepiscono lo stipendio», replica il presidente Coletti.
«I lavoratori dell'ente d'ambito sociale 23», spiega, «pur avendo svolto regolarmente il proprio lavoro, infatti, da tempo non percepiscono la dovuta retribuzione a causa di ingarbugliate proroghe di contratti e di appalti contestati per le cooperative di cui sono soci e che sono le reali erogatrici dei servizi per conto dell'ente».
«La Provincia di Chieti», chiude il presidente uscente, «ha già conosciuto periodi bui con il centrodestra e con fatica abbiamo riportato il rispetto delle regole, delle procedure insieme alla certezza degli atti regolarmente verificati dagli organi di controllo previsti dalla legge. Episodi reali come quello descritto, piuttosto che quelli paventati su basi inesistenti, dovrebbero far riflettere l'elettorato».
25/05/2009 11.53

«COLETTI NON RISPONDE E DISTRAE L'ATTENZIONE CON FALSITÀ»

«Il presidente Coletti, invece di rispondere nel merito dei fatti che gli contesto sul problema degli interinali, distrae l'attenzione su altre vicende che nulla hanno a che vedere con la Provincia, mentendo ancora una volta spudoratamente, perché il Comune di Fossacesia paga sempre con regolarità le sue spettanze»: così Enrico Di Giuseppantonio replica a Tommaso Coletti, che gli ha contestato la mancata erogazione degli stipendi ai lavoratori dell'ambito sociale 23.
«Coletti – spiega Di Giuseppantonio – dovrebbe chiedere ai tanti sindaci del Pd dell'ambito sociale quale sia la vera situazione: solo quattro Comuni, tra cui il mio, hanno versato per intero la quota spettante per far funzionare i servizi, gestiti tra l'altro da una cooperativa che ha la responsabilità primaria di erogare gli stipendi ai lavoratori. Tra l'altro, la conferenza dei sindaci ad inizio anno ha stabilito che l'Ufficio d'Ambito deve chiedere mensilmente un'anticipazione di denaro ai singoli Comuni aderenti al fine di provvedere al pagamento dei servizi erogati dalla cooperativa. Fossacesia è sempre puntuale nei pagamenti, a differenza di altre amministrazioni. In particolare, la cooperativa ha presentato solo pochi giorni fa le fatture per le prestazioni di febbraio e marzo, quindi non vedo come l'Ambito possa pagare senza avere le fatture».
Di Giuseppantonio incalza ancora il presidente della Provincia sulla vicenda degli interinali: «Mi sembra normale che gli interinali della Provincia hanno sempre percepito lo stipendio nelle forme, nei modi e nei tempi dovuti, visto che Coletti per mantenere fino a fine giugno questi 400 lavoratori ha raschiato il fondo del barile del bilancio, togliendo fondi essenziali per spese obbligatorie, come quelle per il sociale e le manutenzioni».
27/05/2009 15.04