Trasparenza amministrativa: un progetto De Dominicis per l’anagrafe degli eletti

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2538

PESCARA. Far crescere la trasparenza amministrativa, permettendo la più ampia partecipazione e conoscenza dei cittadini sia su atti e delibere di consiglio e giunta, sia su aspetti più strettamente personali degli amministratori, a cominciare da quelli patrimoniali.

E' il senso della proposta di istituzione dell'anagrafe pubblica degli eletti messa a punto dal presidente della Provincia, Giuseppe De Dominicis, che riprendendo la campagna nazionale promossa dai radicali italiani e fatta propria in Abruzzo da alcune forze politiche, come il Partito democratico e Rifondazione comunista, intende fornire il proprio contributo ad una indicazione del consiglio provinciale, che all'inizio dello scorso mese di dicembre aveva approvato una mozione in tal senso. In questo modo, dunque, la Provincia di Pescara potrebbe diventare una delle prime istituzioni italiane a realizzare questo importante strumento.
«Entro sei mesi – questa la proposta presentata da De Dominicis nel corso di una conferenza stampa, tenuta questa mattina nella sala Figlia di Jorio della Provincia, cui hanno preso parte anche il presidente del consiglio provinciale, Filippo Pasquali, i capigruppo del Partito democratico, Marinella Sclocco e di Rifondazione comunista, Sandro Di Minco, oltre a numerosi consiglieri provinciali - sul sito internet della Provincia di Pescara saranno disponibili numerosi dati riguardanti gli eletti».
Di ciascun eletto al consiglio provinciale, saranno infatti disponibili alla consultazione dei cittadini oltre a nome e cognome, luogo e data di nascita, anche ammontare dell'indennità di funzione e dei rimborsi percepiti a qualsiasi titolo dalla Provincia; dichiarazione dei redditi relativi all'anno precedente l'assunzione dell'incarico e degli anni in cui ricopre l'incarico; quadro delle presenze ai lavori dell'istituzione di cui fa parte e i voti espressi sugli atti adottati.
Indicazioni che, per il solo presidente della Provincia ed i componenti la giunta, si arricchiranno di ulteriori informazioni: come quelle riguardanti la dichiarazione dei redditi anche nell'anno successivo alla cessazione dell'incarico o la dichiarazione di doni ricevuti, facilitazioni per viaggi o trasferte.
Il progetto De Dominicis, inoltre, impegna il consiglio provinciale a modificare il proprio Statuto ed i relativi regolamenti attuativi entro sei mesi, adeguandoli alle esigenze poste dalla diffusione telematica dell'ampio pacchetto di informazioni fornite ai cittadini.
Il progetto De Dominicis prevede infine l'estensione del web anche ad altri atti amministrativi: interrogazioni, interpellanze, mozioni, ordini del giorno, con l'indicazione dei proponenti e lo stato del loro iter amministrativo; elenco delle proprietà della Provincia e la loro destinazione d'uso; pubblicità dei lavori consiliari, compreso materiale d'archivio.
Un proposito che de Dominicis lascerà ai posteri visto che a giugno si voterà anche alla Provincia di Pescara.

02/02/2009 14.48