Consiglio provinciale straordinario su emergenza ambientale:«Pasquali fa muro»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2289

PESCARA. Il capogruppo dell'Udc alla Provincia di Pescara, Alessandro Di Bartolomeo, diffida il presidente del Consiglio provinciale Filippo Pasquali (IdV) e l'assessore all'Ambiente (Rc).
I due sono accusati di non convocare un consiglio straordinario monotematico sullo stato dell'ambiente nella Provincia di Pescara.
Impossibile provare a fare un punto della situazione in consiglio comunale, da quanto denuncia il consigliere dell'Udc.
Il consiglio era stato richiesto lo scorso 5 dicembre con le sottoscrizioni di 9 consiglieri, di cui l'Udc primo firmatario e da celebrarsi per regolamento entro 20 giorni.
Tematiche scottanti come il sito di Popoli- Bussi, l'area contaminata più estesa d'Europa, e la situazione emergenziale delle discariche, che tra pochi mesi diverrà insostenibile a causa della loro saturazione.
Ma niente, dopo la richiesta ufficiale non sarebbe stato fissato alcun appuntamento.
«Queste vicende», sostiene Di Bartolomeo, «imbarazzano il presidente e l'assessore competente, nonostante il Consiglio voglia capire fino in fondo la natura e l'entità del disastro ecologico in corso nel nostro territorio e formulare concrete proposte per la soluzione dei problemi».
La questione ambientale, sostiene il capogruppo Di Bartolomeo, «era stata sottovalutata in passato, se non trascurata; sottovalutata nell'errato convincimento che l'Abruzzo, con il suo territorio poco antropizzato, i suoi Parchi, potesse essere ancora a lungo immune dai rapidi sconvolgimenti che stavano interessando le aree a più alto sviluppo».

20/01/2009 14.51