Sociale, la consigliera Di Nicola: «abbiamo fatto tanto»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1589

MONTESILVANO. Dopo le accuse mosse dal consigliere Gianni Bratti (Pd) alla Giunta Cordoma sull'assenza di progetti riguardanti il sociale («non hanno fatto un bel niente») la consigliera di maggioranza Stefania Di Nicola traccia il punto sul soiale ad un anno dall'insediamento.
«L'azienda in passato aveva numerosi impiegati amministrativi, che oggi grazie a dei corsi di specializzazioni sono stati impiegati nel sociale. Con lo specifico risultato dell'aumento dell'orario agli operatori dell'assistenza scolastica, dello scuolabus, e degli operatori domiciliari con evidente soddisfazione dell'utenza disabile e anziana».
La consigliera ricorda poi l'acquisto di un autobus e di un Ducato per il trasporto dei soggetti diversamente abili, della promozione per la distribuzione dei pannoloni attraverso la farmacia comunale con
recapito anche a domicilio.
«Non si può dimenticare il contributo dato al centro Dean Martin»,
continua, «in termini di integrazione dei minori immigrati e dello
sportello immigrati. L'attività di integrazione socio culturale dei
minori continua anche durante l'estate con il programma Dean Martin
summer e con la presenza di mediatori culturali».
Nel centro didattico ricreativo di via Vestina l'attività
didattico-ludica è svolta, per la prima volta, anche durante l'estate
con lo stesso personale dipendente dell'Azienda utilizzato durante i
mesi invernali.
«Sempre per i bambini», prosegue Di Nicola, «abbiamo attivato la
colonia marina con 84 iscritti per turno e con la presenza di due
scuolabus con personale addetto. Inoltre la progettazione di un
consultorio per minori immigrati, che verrà aperto il primo settembre
prossimo».
E poi il Comune ha ampliato una struttura di accoglienza per minori
allontanati dai genitori, dai 6 posti di prima li ha portati a 13
unità per l'ospitalità anche di ragazzi immigrati, «con un'attività di
mediazione culturale supportata dalla presenza costante di uno
psicologo. E' in via di apertura un appartamento di sgancio per i
maggiorenni: tale struttura permetterà di non abbandonare i ragazzi
maggiorenni al loro destino dopo il compimento della maggiore età».

01/07/2008 9.43