Area di Risulta, il Teatro al posto della mediateca

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3616

Area di Risulta, il Teatro al posto della mediateca
PESCARA. Area di Risulta in fermento per la costruzione del nuovo teatro cittadino. Il progetto di Monistiroli cambia e il nuovo teatro sorgerà dove era prevista la mediateca. L'ex assessore all'Urbanistica Tommaso di Biase e l'ex consigliera di Rifondazione Viola Arcuri (oggi entrambi fuori dal consiglio comunale) chiedono al sindaco di fare chiarezza sulle nuove intenzioni.
«Un'area strategica come quella di risulta merita di una progettazione unitaria», ricorda Di Biase.
«A tal fine nella precedente consigliatura si era giunti all'elaborazione di un progetto unitario e in tal senso era stata individuata anche la porzione di area dove inserire il teatro. Si tratta di scelte esaminate ed approvate dal Consiglio Comunale», ricordano i due.
Ora invece ci scopre che il teatro «sarebbe invece realizzato in posizione tale da distorcere il complesso del progetto che apparirebbe rimescolato in maniera improvvisata. Sarebbe molto grave se si procedesse in tale direzione. E sarebbe altrettanto se si procedesse a modificare il progetto unitario senza interpellare l'autore del progetto stesso».
Contento invece Carlo Masci (Udc): «finalmente il teatro comunale sembrerebbe aver trovato la sua definitiva collocazione nello stesso punto da sempre indicato, cioè nell'area di risulta».
«Oggi», continua il consigliere di centrodestra, «possiamo ripartire dal teatro per rielaborare un progetto dell'area di risulta che dia alla città un respiro internazionale e la inquadri veramente nella dimensione europea da tutti auspicata».
Archiviato di fatto il progetto Monestiroli (infatti il Teatro sorgerà dove era prevista la Mediateca) Masci chiede all'amministrazione di «avere la giusta lungimiranza per riprendere la discussione sull'utilizzo del sottorilevato ferroviario: quella barriera di cemento, oggi pugno in un occhio dal punto di vista estetico e funzionale, può e deve diventare - in un contesto di riqualificazione complessiva - uno spazio fruibile per i servizi di cui ha bisogno l'area di risulta (terminal bus e parcheggi), liberando in tal modo territorio pregiato per verde, piazza, teatro e strutture analoghe.
Immaginatevi cosa sarebbe Pescara senza quell'orrendo muraglione».

24/06/2008 16.37