Considan, nel giorno dello scioglimento Cordoma ci ripensa

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2480

MONTESILVANO. Un fulmine a ciel sereno, ieri sera, nel corso del consiglio comunale di Montesilvano. Doveva essere il momento ufficiale dello scioglimento del Considan, come annunciato nei giorni scorsi ma la maggioranza di centrodestra ha gelato tutti e a gran sorpresa ha votato per la sua salvezza.
Il Pdl, in modo compatto (si è astenuto solo Giancarlo Cipolletti de La Destra) ha deciso di tenere in piedi quello che fino a qualche giorno fa anche il sindaco Cordoma definiva un «ente inutile».
Sconcerto tra la minoranza che proprio non si aspettava questo colpo di mano e pensava di chiudere la questione velocemente una volta per tutte.
«Si tratta di una decisione inspiegabile che non ci aspettavamo proprio», a detto a PrimaDaNoi.it il consigliere Antonio Maragno (Mpvl) che aveva presentato la mozione urgente per lo scioglimento del Considan. «Nelle scorse settimane, il sindaco era stato chiaro e ora proprio non riusciamo a comprendere».
Insieme allo scioglimento doveva esserci anche la conseguente liquidazione dell'ente, ma pare evidente che adesso sarà impossibile perché il Considan, di fatto, è ancora in piedi.
«Questa è una decisione scellerata», continua incredulo Maragno, «che avrà notevoli ripercussioni in termini economici sulle tasche dei cittadini di Montesilvano. Allora – prosegue - perchè richiedere le dimissioni del Cda dallo stesso Cordoma nominato se non si vuole sciogliere il consorzio? Forse solo per sopire le polemiche politiche e gli attacchi giornalistici seguiti alla nomina di un consulente legale avvenuta di recente?»
Ma adesso cosa succede? Tecnicamente il Considan è ancora in piedi ma il cda si è dimesso.
Si procederà a nuove nomine?
E' sempre Maragno che risponde: «le dimissioni non sono ancora arrivate formalmente e quindi a questo punto bisognerà vedere se dopo l'annuncio seguiranno i fatti. Se dovesse accadere non ci resta che attendere la prossima nomina del nuovo cda».
Nuove poltrone sono libere. Chi saranno i fortunati?
Insomma la polemica è destinata a continuare se non altro per una certa incongruenza tra dichiarazioni “a caldo” e azioni “meditate”.

13/06/2008 11.34

[url=http://www.primadanoi.it/search.php?query=considan&mid=6&action=showall&andor=AND]TUTTO SULLE POLEMICHE DEGLI ULTIMI GIORNI[/url]