Bilancio di previsione 2008, oggi il consiglio comunale bollente

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1437

CHIETI. Si terrà oggi la seduta del Consiglio Comunale per la prevista discussione ed eventuale approvazione del bilancio di previsione 2008. Non mancherà tensione in aula per le ultime vicende che hanno portato alla luce una situazione critica per i conti della città. Presente in consiglio anche il Meetup di Beppe Grillo.
Dopo il primo parere non favorevole espresso dal Collegio dei Revisori dei Conti per la gravissima situazione debitoria in cui si trova il Teatro (circa 3,5 milioni di euro), lo stesso Collegio a fronte di un emendamento alla delibera di Bilancio che ha previsto un ulteriore accantonamento di somme per eventuali contenziosi ed interessi, continua a mantenere una posizione fortemente critica nei confronti dell'amministrazione comunale attraverso un secondo parere, favorevole ma «a condizione». A ciò si aggiunge l'ultima notizia delle dimissioni, da Commissario del Teatro, del Segretario Generale Maurizio Di Michele.
La Sezione Regionale di Controllo della Corte dei Conti per l'Abruzzo, inoltre, ha formulato «raccomandazioni e segnalazioni al Consiglio Comunale e agli organi di gestione» per consentire eventuali tempestive azioni di correzione; segnalazioni queste che non hanno valore di accertamento o di giudizio ma di stimolo per un'autoverifica delle persistenti criticità degli interventi da attuare.
«La vicenda del Bilancio Comunale, appare di giorno in giorno sempre più preoccupante a causa delle notizie frammentarie e contrastanti che vengono portate all'attenzione della cittadinanza», commentano gli esponenti del Meetup di Chieti che chiedono chiarezza.
«Ogni consigliere comunale è esortato ad essere protagonista nel controllo della "cosa pubblica", esprimendo il proprio voto cosciente su documenti contabili e di indirizzo politico fondamentali per il futuro della città».
La stessa Corte dei Conti ha notificato la propria relazione sul rendiconto finanziario comunale del 2006 a tutti consiglieri comunali che, pertanto, hanno un elemento in più per poter esprimere il proprio voto.
Il Meetup di Chieti «seguirà attentamente il contributo che ogni consigliere darà alla discussione, esortando tutti a non agire in base alla mera appartenenza politica ma in base alla propria coscienza, consapevoli una volta per tutte che i cittadini hanno più interesse alla vivibilità in città piuttosto che ad una sterile vittoria di parte».

03/06/2008 12.19