Console: «con noi l'individuo torna al centro del dibattito politico»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3060

Console: «con noi l'individuo torna al centro del dibattito politico»
PAROLA AI CANDIDATI. PESCARA. Silvano Console è il candidato sindaco della Lista "La Nave di Cascella". Giornalista- documentarista, 58 anni, sposato ha deciso di intraprendere questa impresa sostenendo le richieste dei più svantaggiati. Punto di forza: molto concentrato sui problema di chi è emarginato. Punti di debolezza: molto concentrato sui problemi di chi è emarginato.
Perché la decisione di candidarsi a sindaco?
«Perché occorre ricollocare la persona umana al centro del dibattito politico: è da qui che bisogna ripartire per rifondare la politica e per creare un futuro diverso e più giusto. In questa direzione, nel microcosmo di Pescara, sulla base del mio impegno da sempre nell'ambito del volontariato sociale, ho inteso dare vita ad un laboratorio (associazione) denominato "Cultura e Solidarietà", che ha deciso di partecipare alle elezioni amministrative di Pescara».

Perché i cittadini dovrebbero votare la sua lista?
«Perché è l'unica Lista che mette al centro del suo programma di governo della Città le persone, cioè i cittadini, e soprattutto quelli che sono in difficoltà. Perché la Nave di Cascella è l'unica Lista composta da cittadini pescaresi che vivono i problemi quotidiani del lavoro, del carovita, delle carenze dell'assistenza sanitaria e sociale».

In questo inizio di campagna elettorale ascoltando la gente qual è l'esigenza più sentita?
«La sicurezza sociale ed economica: in particolare interventi concreti di sostegno allo sviluppo della autonomia economica dei giovani, ovvero il lavoro».

Le tre priorità del suo programma
«Ci rivolgiamo soprattutto a tre categorie speciali di cittadini: i bambini, i disabili, gli anziani. Perché una città a loro misura sarà una città più accogliente e più sicura per tutti. Nel nostro programma ci sono l'istituzione di spacci comunali contro il carovita per il calmieramento dei prezzi dei beni di prima necessità: pane, pasta, latte, carne; l'edilizia pubblica residenziale (case a basso costo) a favore di disabili, pensionati e famiglie povere; tagli dei tributi e dell'ICI per famiglie in difficoltà e per famiglie con disabili; finalmente la realizzazione del dormitorio pubblico comunale con docce e servizi igienici per i senza fissa dimora».

Cosa manca oggi a Pescara?
«Le politiche sociali sono da tempo praticamente assenti nella Città di Pescara. La Lista "La Nave di Cascella" le mette al primo posto nel suo Programma. Oggi si parla di "nuove povertà": le famiglie non riescono ad arrivare alla fine del mese. Le responsabilità sono della politica nazionale, ma il Comune non può restare a guardare».

A che risultato punta la vostra lista?
«A coinvolgere sulle problematiche del sociale – e questo sta già accadendo in questa prima fase della campagna elettorale – le forze politiche tradizionali, i candidati sindaco e le altre liste in campo».

Qual è il concorrente che teme di più?
«Tutti e nessuno. Comunque è l'attuale sindaco quello che sembra riscuotere maggiori consensi grazie al suo sfrenato attivismo, al limite delle regole nella gestione dei pubblici poteri amministrativi. Caratteristiche che comunque hanno sortito un grosso effetto di coinvolgimento degli entusiasmi, ma che, ben riflettendo, hanno prodotto poco o niente nel settore dei servizi alla persona, ovvero il sociale».

La politica oggi è in crisi?
«La situazione politica, culturale e morale della società italiana è precipitata verso uno spettacolo indecoroso e dei processi degenerativi che sembrano imbarbarire tutto e tutti.
Il ceto politico e i gruppi dirigenti di tutti i partiti (se ancora possono definirsi tali) indistintamente dimostrano ogni giorno di più (vedi le vicende della crisi di governo e di preparazione alle nuove elezioni) il loro scarso rigore morale e l'assenza di senso del bene comune».

Come intende sfruttare le nuove tecnologie, come internet, nella sua eventuale amministrazione.
«Sicuramente sostenendo come pubblica amministrazione iniziative lodevoli come la vostra, come "PrimaDaNoi.it", che tendono a informare, rendere trasparente e coinvolgere la pubblica opinione su tutti i temi della città e della regione. Ed inoltre con un progetto di erogazione di massa del servizio internet per la cittadinanza (con un Centro gratuito comunale o con erogazione domestica alle famiglie più povere)».
29/03/2008 11.16

[url=http://www.primadanoi.it/upload/virtualmedia/modules/bdnews/article.php?storyid=14431]TUTTI I NOMI DEI CANDIDATI[/url]
[url=http://www.primadanoi.it/search.php?query=PAROLA+AI+CANDIDATI&andor=exact&mids%5B%5D=6&mids%5B%5D=11&mids%5B%5D=13&mids%5B%5D=2&mids%5B%5D=7&mids%5B%5D=5&submit=Cerca&action=results&id=be15978f3bdddd7a1a1964f74913cecf]LE ALTRE INTERVISTE AI CANDIDATI SINDACO[/url]