Il Comune di Roseto in Croazia per il "Programma Adriatico"

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1180

ROSETO. Verificare lo stato di attuazione delle attività promosse dal progetto Interreg Adriatico Sociale e promuovere il primo workshop trasnazionale. Sono questi gli scopi principali della visita in programma in questi giorni nella cittadina croata di Makarska.
Della delegazione fanno parte il vicesindaco Teresa Ginoble e il coordinatore di progetto Andrea Bollini che saranno accompagnati dall'interprete Savka Brkic e dalla dott.ssa Lorena Marcelli dell'ufficio politiche sociali del Comune.
Il progetto Interreg di cui Roseto è capofila coinvolge i Comuni di Pescara, Cervia, e Porto San Giorgio oltre alla Società Abruzzo Sviluppo e la Lega Abruzzese Anti Droga (LAAD) quali partner interni e le Municipalità croate di Makarska e Spalato quali partner esterni.
«E' un progetto di grande rilevanza per il nostro territorio che si apre concretamente alle esperienze di altre città che si affacciano sull'Adriatico – sottolinea il Sindaco Franco Di Bonaventura - Molto importante inoltre è la scelta di Makarska come partner. Roseto è infatti gemellata con la cittadina croata dal 1980 e il progetto Adriatico Sociale è l'occasione per rinsaldare i vecchi rapporti di amicizia e collaborazione».
«L'azione mira a promuovere un sistema di politiche sociali che si basi sulla cooperazione fra le pubbliche amministrazioni adriatiche –spiega il Vice Sindaco Teresa Ginoble – in sostanza abbiamo messo a confronto le rispettive esperienze sviluppate nell'ambito dei servizi alla persona e questo ha permesso un proficuo scambio di buone prassi che servirà a sviluppare nel futuro strategie ed azioni comuni in tema di politiche sociali».
Tra le attività già avviate c'e l'azione pilota tra la LAAD di Pescara e la Municipalità di Spalato grazie alla quale sei operatori della Croazia potranno acquisire, tramite uno stage presso la struttura abruzzese, specifiche competenze relative a modalità organizzative e gestionali tipiche di una struttura terapeutica per l'assistenza e la cura dei tossicodipendenti.
«Il progetto agevola lo scambio di buone prassi amministrative e favorisce la condivisione allargata delle più rilevanti tematiche sociali – spiega il Vice Sindaco Teresa Ginoble – Il programma inoltre prevede l'allestimento nella nostra Città di un Centro di Coordinamento per le Politiche sociali che si occuperà di fornire informazioni, assistenza tecnica e consulenziale sui temi sociali, a favore di pubbliche amministrazioni e delle organizzazioni no – profit dell'area adriatica».

10/03/2008 9.54