Albore Mascia (Pdl):«c’è ancora spazio per un accordo con Carlo Masci»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1482

PESCARA. Amici, simpatizzanti, cittadini, ma anche tanti professionisti e rappresentanti della società, operai, pensionati, precari della Asl e gente comune questa sera hanno partecipato alla prima uscita pubblica del candidato sindaco per il Popolo della Libertà Luigi Albore Mascia presso l’Auditorium Castellamare.
Un applauso dei circa 400 presenti ha accolto l'arrivo del candidato per un appuntamento organizzato ben prima dell'investitura ufficiale.
«Sarà una campagna elettorale difficile, ma proprio per questo più appassionante – ha subito detto il candidato Luigi Albore Mascia -: il centro-destra in questo momento non è diviso, è solo scomposto, ma con l'amico Carlo Masci non è ancora chiuso il dialogo, aspetteremo fino all'ultimo per tentare una ricomposizione. Intanto già oggi è arrivata un'importante novità: le liste per i Consigli di quartiere saranno uniche, Pdl con l'Udc. Perché il nostro obiettivo è comune: riconquistare Pescara. E, agli atteggiamenti arroganti del centro-sinistra rispondo ricordando che i voti si contano, non si pescano, e contano solo i cittadini, non si fanno le campagne elettorali dai balconi».
Non basta: il candidato sindaco Albore Mascia ha soprattutto sottolineato «la grande ‘truffa' del sindaco D'Alfonso che, in caso di vittoria, sarà un sindaco a tempo: tra due anni lascerà sicuramente Pescara perché il suo obiettivo è la carriera regionale. Personalmente garantisco invece il mio legame con Pescara, pronto a restare sindaco per 10 anni (il massimo che la legge mi consente) e non chiedo strapuntini».
Il candidato Albore Mascia, affiancato dal coordinatore provinciale di An Lorenzo Sospiri e dal segretario di Forza Italia Guerino Testa, ha poi ricordato le tante battaglie portate avanti negli ultimi cinque anni all'opposizione, «come l'area di risulta: abbiamo impedito al centro-sinistra di regalare la città a un privato. Ora vogliamo che Pescara torni a essere la capitale d'Abruzzo – ha detto rivolgendosi alla platea -, di nuovo con l'Ici e i tributi più bassi d'Italia. Per far questo ho bisogno dell'aiuto di tutti voi».

“LA SINISTRA L'ARCOBALENO”: 30 PIAZZE IN ABRUZZO PER DISCUTERE DEL PROGRAMMA

Tra sabato 1 e domenica 2 Marzo, in concomitanza con tutte le piazze di tutta Italia, la Sinistra l'Arcobaleno offrirà ai cittadini punti d'incontro per discutere le 14 proposte per il Paese. Inizia dunque ufficialmente la campagna elettorale della nuova coalizione. Per quanto riguarda Pescara si vocifera di un accordo con il Pd di Luciano D'Alfonso anche se le trattative vanno per le lunghe e non c'è ancora ufficialità.
Ieri, però, Maurizio Acerbo Rc) ha ribadito la posizione di Rifondazione, cioe' che al primo turno la Sinistra Arcobaleno corra da sola con un proprio candidato sindaco, «perche' - ha spiegato- a Pescara non si corre il rischio che vinca la destra, quindi, sarebbe bene che la sinistra si presentasse in maniera autonoma. La Sinistra Arcobaleno- ha proseguito- su questo non ha una posizione unitaria. Cercheremo ancora- ha sottolineato- di convincere gli altri partiti della sinistra, comunque, pur essendo Rifondazione la forza piu' consistente, accetteremo quello che si decidera' come Sinistra Arcobaleno, perche' - ha concluso- il bene principale e' che si presenti unita».

Per quanto riguarda il programma massima attenzione a «dignità e diritti nel lavoro: la sicurezza». Con una durata massima del lavoro giornaliero in 8 ore e in due ore la durata massima degli straordinari. C'è poi la lotta alla precarietà e attenzione ai salari che siano più dignitosi.
« Salari, fisco e redistribuzione del reddito; salario orario minimo per garantire una retribuzione mensile netta di almeno 1000 euro; recupero automatico annuale dell'inflazione reale; elevare le detrazioni fiscali; diminuire il prelievo fiscale per i redditi più bassi; aumentare la tassazione sulle rendite finanziarie al 20%».
La Sinistra Arcobaleno poi punta molto su valori come la pace e la autodetermuinazione delle donne.
29/02/2008 9.30