"Election day", Napolitano frena ma la campagna elettorale corre

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1396

ABRUZZO. Sembra difficile che si possa fare l' 'Election day' senza il consenso dell'opposizione, che al momento non c'é. Incerta ancora, quindi, la data delle prossime politiche che a questo punto potrebbe non coincidere con le amministrative. Intanto An di Lanciano ha lanciato una petizione per fermare l'ingresso di Mastella nella Cdl e Beppe Grillo annuncia la sua presenza a Pescara per un comizio elettorale a supporto della sua lista civica.
Romano Prodi e Giuliano Amato credono fermamente all'opportunità di un accorpamento di politiche ed amministrative. In primo luogo per una questione di costi: secondo le cifre fornite nel 2004 dall'allora ministro dell'Interno Pisanu il risparmio supera i 400 milioni di euro. Inoltre l'accorpamento «disturba di meno il regolare svolgimento dell'anno scolastico; consente agli elettori di non essere chiamati più volte alle urne, sempre nel giro di poche settimane».
Ma la volontà del premier e del ministro dell'Interno si sta scontrando con il fuoco di fila del centrodestra, assolutamente contrario a questa soluzione.
La Cdl batte sul tasto della grande confusione che si creerebbe a causa del numero eccessivo di schede con cui i cittadini si dovranno confrontare.
Tanto da parlare di una vera e propria "ordalia elettorale" e da invocare con forza l'intervento del Capo dello Stato.
Cossiga in mattinata aveva scritto al capo dello Stato per invitarlo a non firmare il decreto che accorpa elezioni politiche ed amministrative, definito «costituzionalmente non legittimo» in quanto adottato da un «Governo dimissionario perché battuto in Parlamento».
E Napolitano ha assicurato che eserciterà «con il dovuto rigore la funzione di garanzia affidatami».
Il Viminale ha ricordato all'opposizione che era stato il precedente Governo della Casa delle Libertà a ricorrere per ben due volte all"Election day'.

AN DI LANCIANO CONTRO MASTELLA

Sul Blog di Alleanza Nazionale di Lanciano, intanto, è partita da poche ore la petizione per chiedere a Berlusconi e Fini di tenere Mastella al di fuori dalla Cdl basta inserire nome e cognome nei commenti sottoscrivendo quanto scritto per aderire.
«Tante sono le motivazioni che spingono ad una simile richiesta», spiegano gli organizzatori. «Reputiamo che il sen. Mastella rappresenti il peggior esempio che la politica italiana possa offrire:
campione eccellente di trasformismo, pronto a salire immediatamente sul "carro dei vincitori", paladino di una politica affaristica e di piccolo cabotaggio».

GRILLO A PESCARA

L'associazione Pescara in comune by Amici di Beppe Grillo, invece, ha comunicato che Beppe Grillo ha confermato telefonicamente che sarà a Pescara (in data da definire) per appoggiare la lista civica che si presenterà alle prossime amministrative di aprile.
L'associazione organizzerà un «evento gratuito per tutta la città di Pescara per mostrare quali sono i problemi urgenti e irrisolti della città e per fare incontrare i cittadini con Beppe Grillo».

09/02/2008 9.37