Veltroni a Pescara per lanciare la corsa del Pd

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2323

PESCARA. La campagna elettorale è proprio iniziata e tra poco più di una settimana a Pescara arriverà Walter Veltroni. Il suo compito sarà prendere due piccioni con una fava, ovvero lanciare la nuova (e ormai quasi certa) candidatura del sindaco D'Alfonso (segretario regionale del Partito Democratico) ma anche (così come recita il tormentone di Crozza) aprire le danze della campagna elettorale nazionale.
Probabilmente sabato 16 alle ore 21, (orario da grande evento di "prima serata") in piazza Salotto Veltroni terrà il suo comizio.
Lo ha reso noto la segreteria regionale del Partito Democratico che ieri, sempre a Pescara, ha tenuto una importante riunione. Con Veltroni nella città adriatica vi saranno i maggiori esponenti del Pd.
E queste sono ore decisive per definire le coalizioni: i democratici abruzzesi condividono la scelta di un Pd che alle elezioni politiche nazionali vada da solo, «impostando una riforma della politica che venga dal corpo elettorale: ridurre la frammentazione, restituire ai cittadini la certezza di un voto e di un coerente profilo programmatico di chi sarà chiamato a governare».
Il segretario D'Alfonso e il coordinamento istituzionale, proporranno alla segreteria nazionale di avere come capolista regionale delle proprie liste il presidente del Senato Franco Marini, «figura di grandissimo rilievo istituzionale che anche nella gestione della fase di crisi ha confermato le sue alte doti di uomo con senso dello Stato e delle istituzioni repubblicane».
E il centrodestra chiamerà sicuramente il presidente Berlusconi per replicare un comizio in "grande stile" e per dare avvio ad una campagna elettorale che a Pescara coinvolgerà certamente i grandi nomi della politica italiana. L'ultima presenza in città risale al giugno
2003 in occasione delle ultime comunali, quando il candidato sindaco era Masci. L'anno scorso, invece, il presidente si recò a L'Aquila per sostenere il candidato Leopardi e nel corso del suo discorso accusò un leggero malore.
08/02/2008 10.47