Lo zoccolo duro della Base si arrende: «impossibile dialogare con Ricci»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1692

CHIETI. Giancarlo Quiriconi, Peppe D'Angelo, Mia Garré, Silvio Di Primio, Silvia Rebeggiani hanno deciso di non fare più parte del Coordinamento Cittadino La Base.
I principali fondatori del movimento, sempre critico nei confronti dell'operato del primo cittadino, sebbene facente parte della stessa ideologia politica, hanno rassegnato le proprie dimissioni.
Lo hanno fatto firmando un documento carico di amarezza.
La decisione è stata «sofferta», hanno sottolineato, «ma trova le proprie motivazioni politiche nell'impossibilità acclarata di un qualsiasi dialogo con una amministrazione comunale che non è mai stata in grado –per incapacità e per deliberata scelta- di muoversi sulle direttrici tracciate dal programma con cui aveva vinto le elezioni».
E ci sarebbe di più: nel corso dei suoi quasi tre anni di vita, «e specialmente con l'ultima verifica dell'autunno scorso essa ha perduto, anche formalmente, le caratteristiche di una coalizione di centro-sinistra per assumere quelle (se non di destra) certo di una palude anodina, la cui legge primaria è quella del trasformismo».
Quando è nata la Base, i suoi organizzatori lo sapevano, «non ci sfuggivano le difficoltà, ma pensavamo che un'azione continua di pungolo critico avrebbe potuto contribuire a far nascere nella Giunta e nella maggioranza di Palazzo D'Achille almeno quel minimo di resipiscenza necessaria a non farle perdere del tutto il senso della sua vittoria e la direzione del suo lavoro».
Ma così non è stato: «dopo un lavoro intenso, e in alcuni momenti esaltante, di stimolo, di denuncia e –spesso- di anticipazione dei problemi, oggi sappiamo che la situazione non è più rimediabile e che quella "occasione storica" è definitivamente perduta».
I cinque assicurano che continueranno a vigilare «e a perseguire l'obbiettivo di una politica e di una gestione della cosa pubblica ispirate alla partecipazione e alla trasparenza, alla solidarietà e alla eco sostenibilità»

28/01/2008 12.28