Colantonio (An):«In arrivo il 12° assessore della Giunta Ricci»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1092

CHIETI. Mentre in tutta Italia la politica annuncia tagli drastici al sistema politico, il Comune di Chieti segna una controtendenza e i consiglieri di maggioranza chiedono la nomina di un difensore civico.
Sono stati precisamente Angelo D'Aurelio (DS), Enrico Iacobitti (Margherita), Riccardo Di Gregorio (RC) e Nello D'Angelo (Udeur) , a fare la richiesta.
«A norma dello Statuto comunale e dell'art.11 d.lgs 267/2000 (Testo Unico sugli Enti Locali)», annuncia Mario Colantonio di An, «è stata approvata monocraticamente dalla VI° Commissione Consigliare Statuto e Regolamento (presieduta dal consigliere D'Aurelio) ed assume, così come approvata, le sembianze di incontrollato ed incontrollabile strumento di ulteriore dispendio economico per la collettività Teatina».
Alcuni articoli, sostiene Colantonio, sono contrastanti. In alcuni, infatti, si dice che «il costo» per il difensore «è da stabilirsi annualmente sul bilancio». In altri si stabilisce con chiarezza che «per l'espletamento delle sue funzioni» spetta al difensore «una indennità mensile in misura pari a quella attribuita all'assessore comunale (che attualmente costa alla collettività Teatina oltre € 70.000,00 -indennità, contributi, oneri riflessi, imposte e quant'altro)».
Oltre questo bisognerà coprire anche le «spese di viaggio ed il trattamento di missione, il rimborso delle spese per l'uso di mezzi di trasporto di linea o di mezzi propri» «In questo modo», sostiene Colantonio, «assume i benefici di un parlamentare o più semplicemente onerosi benefici che alcuni assessori della Giunta di sinistra fanno gravare sulla collettività teatina con consueta disinvoltura».
«In città quali Roma, Bologna , Firenze», sottolinea inoltre il consigliere , «e sicuramente in molte altre, i rispettivi regolamenti attuativi discussi ed approvati democraticamente, stabiliscono per il Difensore Civico un'indennità di carica omnicomprensiva pari alla retribuzione di un assessore ( o presidente di azienda a controllo pubblico)».


10/12/2007 13.41