Comunali L'Aquila, Cdl chiede commissione d'inchiesta

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1054



L'AQUILA. «Una commissione speciale d'inchiesta per fare chiarezza sul caso dei verbali elettorali delle amministrative 2007 illeggibili, incompleti o corretti».
La richiesta arriva dal capogruppo di An in Comune dell'Aquila, Vito Colonna, a nome di tutto lo schieramento di centrodestra.
«Il perito Roberto Mazzonetto - ha ricordato Enzo Lombardi (Fi) - incaricato dal non eletto e ricorrente al Tar Bruno Chelli di effettuare una perizia calligrafica, ha affermato che "più" verbali di seggio sono stati compilati da una stessa mano e che "sono state riscontrate alcune corrispondenze tra la scrittura compilativa dei verbali di seggio con il verbale delle operazioni della commissione centrale".
Esaminando i verbali, secondo quanto ha riferito Lombardi, «33 sono illeggibili oppure presentano abrasioni, cancellature, sovrapposizioni o errata disposizione numerica delle liste; altri 15, invece sono in bianco o riempiti solo su una colonna; nei verbali dell'ufficio centrale ci sono ulteriori cancellature e correzioni; infine, le cifre elettorali di tutte le 22 liste sono state corrette, con uno scarto anche di 150 preferenze. Il segretario generale Giorgio Lovili ha ammesso che la commissione elettorale centrale si è sostituita a presidenti che non avevano compilato i verbali finali, ma questo non si può fare».
Il centrodestra ritiene insufficiente la risposta fornita dal segretario Lovili e dal dirigente Michelangelo Rocchio all'interpellanza inoltrata dal senatore di Fi, Andrea Pastore, al ministro della Giustizia.
«La maggioranza», ha spiegato Lombardi, « non ha voluto saperne, di fare chiarezza. Le cancellazioni, le incompletezze, le ripetizioni nei verbali sono così invadenti che è inconcepibile questo rifiuto assoluto».

05/12/2007 10.17