Ppl, Pastore: «scelta improvvisa ma non improvvisata»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1528

PESCARA. Dopo la nascita del Partito delle Libertà anche a livello locale ci sono i primi movimenti. Il futuro della Cdl lo ha raccontato ieri mattina la vecchia coalizione di Forza Italia.
«Forza Italia è il ceppo portante del nuovo partito presentato a San Babila da Silvio Berlusconi e tra le due realtà c'è una continuità di valori e principi». Lo ha detto ieri mattina, a Pescara, il coordinatore regionale il Forza Italia, il senatore Andrea Pastore, parlando dei riflessi che il lancio del nuovo partito produrrà a livello locale. A far emergere questo progetto - ha detto Pastore - «è stata la raccolta firme promossa nei giorni scorsi dagli azzurri contro il governo Prodi».
«Le firme - ha precisato - sono state una scintilla di accelerazione per un progetto maturo da tempo. I gazebo sono stati presi quasi d'assalto e non speravamo nei risultati ottenuti. Le firme, tra l'altro, continuano ad arrivare, e in Abruzzo abbiamo superato quota centomila, ma il risultato non è ancora definitivo, visto che le schede continuano ad arrivare».
La scelta di Berlusconi – ha proseguito Pastore - «è stata improvvisa ma non improvvisata. La necessità di costituire un grande partito dei moderati e dei liberali covava da tempo, ma non si è arrivati ad una conclusione. E' nata, però, la convinzione che il sistema politico italiano è ingovernabile. Speriamo - ha detto sempre il senatore abruzzese - che da questa iniziativa nasca una grande aggregazione che parta dal basso e non dalle segreterie dei partiti».
E poi, sulla collocazione del nuovo partito, Pastore ha spiegato che «non nasce come una balena bianca che si colloca dove fa comodo, ma sarà alternativo alla sinistra. Quanto a Forza Italia, c'e' ancora, e gli amministratori eletti vanno avanti nel loro lavoro. I gruppi confluiranno nel nuovo partito ma gli eletti rimarranno gli stessi.
Insomma, nelle amministrazioni tutto sarà come prima». Presto i cittadini saranno chiamati a confrontarsi con questa nuova realtà attraverso le pre-adesioni. Pastore ha anche annunciato che «si svolgeranno i congressi provinciali»

24/11/2007 9.48