Consiglio Comunale sulla psichiatria a Pescara

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1290

PESCARA. La conferenza dei capigruppo del Comune di Pescara ha fissato per il pomeriggio del 30 novembre la seduta del Consiglio Comunale richiesta da rifondazione Comunista e da altri consiglieri di maggioranza e opposizione.
«La nostra iniziativa», ha spiegato Maurizio Acerbo, consigliere Rc, «è nata dall'urgenza di non lasciare sole le associazioni dei familiari e gli operatori dei servizi di psichiatria a fronteggiare la scelta sbagliata della ASL di Pescara di di mettere in vendita l'ex albergo Paradiso».
La decisione del nuovo manager, nominato dal PD (Margherita, DS, Del Turco), «è una scelta su cui la politica locale deve intervenire», sostiene ancora il deputato di sinistra. «L'ex-albergo di Montesilvano venne acquistato dal precedente direttore dell'azienda sanitaria su indicazione del dipartimento di salute mentale per un milione e mezzo di euro. dovrebbe ospitare una struttura pubblica per il reinserimento di disabili psichici. Invece di mandare avanti il progetto, Balestrino ha deciso di interrompere l'iter per logiche ragionieristiche non molto convincenti».
Rifondazione ha incontrato Balestrino e successivamente ha visitato la
struttura: «dobbiamo dire che le argomentazioni del manager non ci hanno convinto. La realtà è che nell'area Chieti – Pescara la psichiatria è da sempre una gallina dalle uova d'oro per la sanità privata. E la storica carenza di strutture territoriali pubbliche non è certo casuale. Il progetto dell'albergo Paradiso è stato una conquista delle associazioni dei familiari che si battono da anni per la piena attuazione anche nel nostro territorio delle legge Basaglia.
L'ex albergo Paradiso deve rimanere alla Asl e diventare una struttura riabilitativa per chi compie il difficile percorso della riapertura verso la società».
Acerbo auspica che al Consiglio Comunale partecipino oltre alle associazioni e agli operatori anche il direttore Balestrino e l'assessore regionale alla Sanità Bernardo Mazzocca.

05/11/2007 15.19