Finanziaria, Del Turco: «belle sorprese in arrivo per Sanità e Trasporti»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2268

ABRUZZO. «Il giudizio sulla Finanziaria rimane sospeso perché vogliamo attendere l'approvazione finale da parte del Parlamento del testo concordato con il Governo». Lo ha dichiarato il presidente della Regione, Ottaviano Del Turco, in chiusura della riunione che tutti i rappresentanti degli enti locali hanno avuto con il premier Romano Prodi, sulla legge Finanziaria 2008. FINANZIARIA: SOPPRESSI GLI ATO E RIVOLUZIONATE COMUNITA’ MONTANE


«Come ho già detto ieri - ha spiegato Del Turco - ci sono alcune novità, soprattutto sul terreno della sanità e del trasporto pubblico locale, che sono confortanti per le regioni, ma ci sono tanti altri aspetti che devono trovare chiarimento come l'applicazione del Federalismo fiscale».
In linea generale, il presidente della Regione sulla legge Finanziaria ha detto essere una legge articolata che «presenta misure positive per l'intero Paese», sottolineando che «far cadere il Governo in coincidenza della discussione e approvazione della Finanziaria rappresenta un danno grave per il Paese».
Nell'incontro con il Governo, la Conferenza delle Regioni ha consegnato a Prodi un documento in cui «si dà atto al Governo di aver iniziato un confronto serio e approfondito che ha consentito di individuare alcuni punti di incontro, come le problematiche socio-sanitarie e il trasporto locale, ma ribadiscono che alcuni punti qualificanti delle proprie osservazioni non hanno ancora trovatO adeguate risposte».
Il riferimento è al Patto fiscale del 25 settembre scorso «per il quale rimangono inevase numerose richieste, come il recupero delle minori entrate addizionali, la cabina di regia del federalismo fiscale, il fondo unico per tutte le risorse regionali. Inoltre - scrive la Conferenza - è necessario ed urgente valutare la piena regionalizzazione della tassa automobilistica».
Sul trasporto pubblico locale «è significativo il riconoscimento del pieno utilizzo dei 500 milioni di euro fiscalizzati mediante il meccanismo di compartecipazione all'accise sul gasolio per autotrazione», anche se le Regioni chiedono «l'assoluta necessità che tale soluzioni diventi strutturale».
31/10/2007 09.25
[pagebreak]

FINANZIARIA: SOPPRESSI GLI ATO E RIVOLUZIONATE COMUNITA' MONTANE

Il relatore di maggioranza alla Finanziaria Giovanni Legnini a margine dei lavori in Commissione Bilancio ha detto che «sono state risolte tutte le questioni più rilevanti. Contiamo di licenziare il tutto in Commissione entro questa settimana».
Tra le questioni principali che sono state affrontate e risolte, Legnini cita la sanatoria per i precari della P.A., il credito d'imposta per l'occupazione nel Mezzogiorno, l'abolizione del ticket sanitario da 10 euro e il 'pacchetto fiscale' che contiene anche l'abolizione del tetto al reddito di 50.000 euro per gli sgravi Ici sulla prima casa.
Il piano per la stabilizzazione dei precari della Pubblica Amministrazione prevede un pacchetto triennale di assunzione entro il 30 aprile 2008, in modo tale da arrivare alla stabilizzazione progressiva dei lavoratori precari.
Sulla prima casa, salta il limite di 50 mila euro previsti per godere dello sconto per l'Ici e aumenta del 10% il massimo detraibile.
Per i tabaccai in arrivo 3000 euro di credito di imposta per l'acquisto e installazione di strumenti per la sicurezza, come le telecamere, e per agevolare i pagamenti con il bancomat.
Stabilita la definizione del credito di imposta automatico per i nuovi assunti a tempo indeterminato nel Mezzogiorno, con una differenziazione tra uomini e donne: per i primi previste per ciascun mese 333 euro, mentre 416 euro per le seconde.
«Ai datori di lavoro che» - si legge nel testo - «nel periodo compreso tra il primo gennaio e il 31 dicembre 2008, incrementano il numero di lavoratori dipendenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato in Calabria, Campania, Puglia, Sicilia, Basilicata, Sardegna, Abruzzo e Molise è concesso per gli anni 2008, 2009 e 2010 un credito d'imposta pari a 333 euro per ciascun lavoratore assunto e per ciascun mese. In caso di lavoratrici donne il credito d'imposta è concesso nella misura di 416 euro per ciascuna lavoratrice e per ciascun mese».
Per quanto riguarda le Comunità montane prevista la riduzione dei costi della politica introducendo però una correlazione mediante l'incremento del fondo per la Montagna.
Confermata la soppressione degli Ato, ossia gli enti d'ambito acquedottistico e rifiuti, che consentirà un risparmio consistente da utilizzare per migliorare le strutture esistenti o per la manutenzione straordinaria delle reti.
«Entro il 30 giugno» - ha dichiarato Legnini - «vanno ridefiniti gli ambiti ottimali e valutata l'attribuzione alle province dei rifiuti o a forme associative dei comuni a costo zero»
31/10/2007 9.25