Piano Traffico, Cdl chiede abrogazione

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1478

Piano Traffico, Cdl chiede abrogazione
PESCARA. Il centro destra al Comune di Pescara sottoporrà all'attenzione del consiglio comunale una proposta di delibera con cui si chiede di abrogare il Piano traffico.
«C'e' stata la proclamazione - ha spiegato Luigi Albore Mascia, consigliere comunale di An - del risultato del referendum consultivo sul piano traffico, che ha sancito che il 65,70% dei pescaresi ha indicato chiaramente che vuole ottenere l'abrogazione del Piano. Abbiamo predisposto la delibera – ha proseguito - perche' l'amministrazione non vuole assolutamente prendere atto di questo risultato. Lo statuto comunale prevedeva che, a fronte della proclamazione dei risultati, l'ufficio di presidenza, di cui faccio parte, predisponesse una delibera che fosse conforme al risultato. Invece ha deciso di predisporre una delibera tecnica, di recepimento del risultato».
Dopo la vittoria del Si alla tornata elettorale, infatti, niente è cambiato e lo stesso assessore al Traffico Armando Mancini aveva dichiarato che il numero dei votanti era stato troppo basso per cancellare con un colpo di spugna tutto quello che l'amministrazione ha fatto in termini di mobilità negli ultimi anni.
«Il quesito referendario – ha spiegato Carlo Masci, dell'Udc - era chiaro. I cittadini si sono espressi per il sì, quindi, oggi bisogna essere consequenziali, come prevede lo statuto del Comune di Pescara».
«A prescindere - ha detto Augusto Di Luzio, di An – di quella che sarà la decisione dei giudici amministrativi sull'aggiudicazione dell'appalto per i lavori di riqualificazione dell'area di risulta, che comunque va rispettata, c'è il fatto che la stragrande maggioranza dei cittadini pescaresi ha deciso che questo Piano traffico va abolito. Con l'abolizione del piano, se, naturalmente, l'amministrazione dara' seguito alla volonta' dei cittadini, andrebbero aboliti i parcheggi sulle zone a traffico limitato
che il Piano prevede. I parcheggi - ha aggiunto - sono la rinvenienza maggiore, dal punto di vista economico, della ditta aggiudicatrice. Credo - ha concluso - che abolire il piano traffico significa far cadere anche la gara d'appalto».

26/10/2007 9.32