Bocciodromo di via Chiarini, «che futuro?»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1697

MONTESILVANO. Il bocciodromo comunale di via Chiarini rappresenta ancora un obiettivo strategico dell' amministrazione? I lavori verranno portati a termine?
A domandarlo è il consigliere comunale di Rifondazione comunista, Cristian Odoardi che ha presentato una interrogazione consiliare sulla questione. «I lavori», continua Odoardi, «sono ancora previsti a carico del privato che ha stipulato l'accordo di programma o se ora tocca all'amministrazione mettere mano al portafoglio per ultimare la struttura?A quanto ammontano le spese ulteriori necessarie per il completamento della struttura? Verranno fissate delle poste di bilancio nel piano finanziario dell'ente per il 2008?» Odoardi, inoltre, ricorda nella sua interrogazione, che «fino al 2001 la società bocciofila cittadina era la più numerosa della provincia di Pescara con circa 150 iscritti; adesso ne conta appena 50». Dal 2001, non potendo più utilizzare la struttura dal centro sportivo Trisi, i giocatori montesilvanesi sono ospiti "indesiderati" del bocciodromo comunale di Pescara a Zanni.
Nel primo elenco del piano triennale delle opere pubbliche però, chiude Odoardi, «la struttura non risulta essere presente ne nelle indicazioni dell'assessorato, tantomeno nelle opere previste negli atti della passata amministrazione o comunque segnalati dai dirigenti dei vari settori tecnici».

25/10/2007 16.04