«Ammortizzatori sociali in deroga per le attività alluvionate»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1437

TERAMO. È la richiesta che avanzerà la Provincia al Comitato regionale per le crisi aziendali e di settore. Di Marcello: «Dare priorità alle aziende colpite» La Provincia chiederà l’applicazione degli ammortizzatori sociali in deroga per le attività economiche colpite dall’alluvione del 6 ottobre.
È quanto emerso dalla prima riunione del comitato – presieduto dall'assessore alle attività produttive Orazio Di Marcello e formato dalle associazioni di categoria dei settori colpiti (artigianato, turismo e commercio) – istituito ad hoc per far fronte comune contro l'emergenza.
Sarà il Servizio relazioni industriali dell'ente, presente questa mattina con Pierluigi Babbicola, a inoltrare al Cicas (Comitato di intervento per le crisi aziendali e di settore) la richiesta di utilizzo degli strumenti in deroga, altrimenti inapplicabili alle piccole attività.
Le associazioni di categoria, intanto, si faranno carico di coordinare l'attività di raccolta di tutte le segnalazioni relative ai danneggiamenti subiti dalle attività produttive per avere il quadro esatto della situazione e intervenire con un unico blocco di richieste e proposte ben definite presso la Prefettura. Inoltre, insieme alla Provincia, verificheranno la possibilità di promuovere o ampliare l'accesso a una serie di agevolazioni finanziarie o fiscali.
«In questa situazione – afferma Di Marcello – occorre dare priorità d'intervento alle attività produttive, molte delle quali sono a conduzione familiare e non riescono a ripartire. Sensibilizzeremo tutti gli organi competenti affinché si faccia strada l'idea che bisogna fare corpo unico, insieme alle associazioni, per superare l'attuale momento di difficoltà che sta colpendo anche tante famiglie».
Alla riunione erano presenti: Flaviano Montebello (Casartigiani), Simona Crescenti (Cna), Silvio Angeletti (Api), Antonio Topitti (Confesercenti), Alessandro Di Eusanio (comitato comunale Confcommercio Teramo), Giammarco Giovannelli (Federalberghi – Confcommercio), Fabrizio Emili (Giovani imprenditori - Confcommercio).
Per la Provincia era presente anche Fabrizia Calvarese.
24/10/2007 15.35