Dpef Comune 2008: le critiche da opposizione e quartieri

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1110

PESCARA. Ha scatenato polemiche e strascichi velenosi la presentazione delle linee guida del documento di programmazione del Comune per il 2008. In molti hanno notato il “carattere prettamente elettorale” del documento poiché nella prossima primavera ci saranno le amministrative così attese che già sembra di intravedere un accenno di campagna elettorale. IL DIRETTORE GENERALE PRECISA:«PROCEDURE GIA’ AVVIATE» LA PRESENTAZIONE ED IL DOCUMENTO INTEGRALE
Non sono piaciute le promesse sull'Ici che potrebbero entrare in vigore quando l'attuale sindaco avrà già terminato il mandato. In ogni caso anche il governo sta studiando agevolazioni, un bonus di 250 euro sulla prima casa, che potrebbe assorbire in toto l'iniziativa comunale e vanificarla.
«Il DPEF presentato ieri dall'Assessore al Bilancio», ha detto Guerino Testa (Fi), «prevede tra le altre cose la diminuzione della pressione fiscale (finalmente) ed un gran numero di opere pubbliche da cantierare. Per quanto concerne la pressione fiscale, che tranne l'ICI sulla prima casa, ha fatto registrare in questi anni un incremento significativo a fronte di una qualità dei servizi scadenti (basti pensare alla pulizia della città, alla manutenzione degli impianti sportivi, delle strade e del verde), l'auspicio è che la pressione fiscale venga registrata proporzionalmente alla quantità dei servizi che si riuscirà a garantire alla cittadinanza senza alcun distinguo tra zone centrali e quelle periferiche».
Relativamente alle opere pubbliche, il dato reale, secondo il consigliere di Forza Italia sarebbe «la schizofrenia che ha caratterizzato il comparto in questi anni ha prodotto la seguente situazione: tanti cantieri aperti,(molti dei quali non chiusi) con relativi disagi per la mobilità urbana, e la prova di quanto detto è testimoniato dal fatto che nell'anno 2006 solo il 36% circa di tutti i mutui contratti con la Cassa Depositi e Prestiti sono stati effettivamente erogati da quest'ultima (quindi poche opere ultimate a fronte di tanti interessi passivi pagati)».
«Per concludere», dice Testa, «mi piacerebbe sapere con quali soldi verrà gestito l'Aurum, dato che nel Bilancio 2007 pare non ci sia copertura finanziaria.
Forse il Centro Sinistra ritiene che anche l'Aurum possa essere finanziato con quanto prelevato dalle tasche dei pescaresi?»

Ancora più irritato invece William Facchinetti, consigliere di quartiere (Porta Nuova) cvhe ha scritto una lettera al sindaco dopo aver letto su PrimaDaNoi.it il documento integrale.

«L'indignazione per quanto letto è così forte che è veramente difficile per me usare toni educati e cordiali. E vengo subito al motivo di tanta indignazione», scrive Facchinetti.
«Alle pagine 18 e 19 del DPEF Comunale, leggo testualmente:
"Sponsorizzazioni di privati.
Nella prossima annualità 2008, in aggiornamento del presente programma triennale dei lavori pubblici 2007-2009, si procedera' ad una riproposizione di alcuni interventi, attualmente non finanziabili per le rigidità di bilancio, proprio per consentire la definizione di iniziative davvero strategiche per la funzionalità, nonché per il decoro e l'immagine della città. Le opere più significative si riassumono come segue:
(...)
2) Completamento opere infrastrutturali - Borgo Marino - Euro 300.000,00.
3) Completamento opere infrastrutturali Case popolari di Piazza Grue - Euro 300.000,00"
(...)».
«Ora caro sindaco», scrive Facchinetti, «io vorrei che lei, o chi ha redatto questa specie di Documento di indirizzo, spiegasse a me ed alla Cittadinanza come mai, per il quarto anno consecutivo, non ci sono i soldi per quei due lavori citati sopra, tentando di farli slittare al 2008.
Vorrei che lei, o chi ha redatto questa specie di documento, spiegasse a me ed alla Cittadinanza come mai l'assessore Mancini ha invece inserito quelle due opere tra quelle "prioritarie" per il 2007. E lo ha fatto pubblicamente, alla presenza di consiglieri di Quartiere, come si puo' leggere anche dal sito del Quartiere 2, all'indirizzo http://www.portanuova.info/news/llpp_2007.htm .
Vorrei che lei, o chi ha redatto questa specie di Documento di indirizzo», sostiene il consigliere di quartiere, «spiegasse a me ed alla Cittadinanza come mai l'assessore Mancini e' all'oscuro di quanto scritto in quelle pagine, tanto che gli uffici comunali stanno gia' predisponendo i progetti per l'intervento di riqualificazione in Borgo Marino Sud,da svolgersi in sinergia con ACA e ATER».
Le proteste si estendono anche pe rla mancata concertazione con i quartieri, seppure nello stilare solo la bozza delle linee guide che poi comunque saranno sottoposte al dovuto confronto fino a stilare il documento di programmazione definitivo.
«Sono quattro anni», conclude Facchinetti, «che si continua a posticipare l'intervento nelle zone di Porta Nuova, che sono proprio quelle che hanno la priorita' di intervento, a causa del degrado e dell'incuria in cui versano, mentre si fanno lavori costosi, inutili, e a vantaggio di pochi soliti noti».
12/07/2007 9.51

IL DIRETTORE GENERALE PRECISA:«PROCEDURE GIA' AVVIATE»

«Al riguardo ho il dovere di precisare che tutte le opere riportate a p. 19 del DPEF, tra cui appunto le due già citate, saranno realizzate con fondi dell'Amministrazione, come previsto dal Piano Triennale 2007/2009 (Del. C.C. n° 48 del 20/03/2007)», ha scritto il direttore generale del Comune Antonio Dandolo.
«In particolare per le due iniziative in argomento (Borgo Marino e case popolari di piazza Grue ndc) è in fase di redazione avanzata la progettazione necessaria per l'accensione del mutuo presso la Cassa Depositi e Prestiti», ha assicurato Dandolo, «l'equivoco ingeneratosi circa il ruolo dei privati dipende da un errore di impaginazione, che ha fatto sì che la scritta “Sponsorizzazione di privati” fosse riportata al termine, e non più correttamente all'inizio del paragrafo di p. 18 “Nella restante parte dell'anno…realizzazione del Ponte del Mare, parcheggi ed altro”, appunto dedicato all'intervento dei privati.
Confidando di aver chiarito questo equivoco e restando a disposizione per ogni ulteriore informazione, La saluto molto cordialmente».
12/07/2007 17.24