Sanita', eletto comitato ristretto dei sindaci. Fiducia a Marzetti

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

876

L'AQUILA. La conferenza dei sindaci del comprensorio Asl dell'Aquila, che si è riunita al Comune dell'Aquila, ha nominato il comitato ristretto dei primi cittadini. Ne fanno parte i sindaci dell'Aquila, Massimo Cialente, di Tornimparte, Antonio Tarquini, di Rocca di Mezzo, Emilio Nusca, di San Demetrio, Silvano Cappelli, e di Caporciano, Ivo Cassiani.
Conferenza e comitato – organismi che intervengono con pareri su ciò che attiene i piani strategici della sanità – hanno inoltre votato all'unanimità la fiducia al direttore generale dell'Asl dell'Aquila, Roberto Marzetti, al termine di una relazione tenuta da quest'ultimo sulla situazione della sanità aquilana, esprimendo dunque il parere favorevole sul suo operato e sui progetti che ha proposto.
«Il dottor Marzetti – ha dichiarato Cialente – ha spiegato come la situazione dell'ospedale e dell'azienda sanitaria nel suo complesso sia comunque buona. Abbiamo posto particolare attenzione alle prospettive rese note dalla direzione generale dell'Asl sia sulla scorta di quanto previsto dal piano di riorganizzazione della rete ospedaliera, sia in funzione dei piani aziendale e sanitario».
«Di rilievo», ha continuato Cialente, «il passaggio sulla cosiddetta "Casa della salute". Il Comune dell'Aquila è stato inserito nella sperimentazione della realizzazione di questo insieme di attività organizzate, che va sotto questa espressione. Tali insieme di attività saranno allestite in aree specifiche di intervento profondamente integrate tra loro, in cui si procede a prendere in carico il cittadino per tutte le attività socio sanitarie che lo riguardano».
Secondo Cialente, la 'Casa della Salute' potrebbe diventare una vera e propria struttura polivalente, in grado di erogare materialmente l'insieme delle cure primarie, di garantire la continuità assistenziale con l'ospedale e le attività di prevenzione, «nonché di gestire il labile confine tra gli interventi sanitari e quelli di carattere sociale, ed è un fatto di grandissima valenza – ha concluso Cialente – che, per tale sperimentazione, il Ministero abbia scelto L'Aquila».

12/07/2007 9.02