Senato: approvato il decreto su piano risanamento sanità e tiket

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1345

ROMA. L'Aula del Senato, nella serata di ieri, ha approvato in via definitiva la legge di conversione del decreto legge sul ripianamento dei disavanzi della sanità. Con detto provvedimento si potrà dare corso definitivo ai piani di risanamento delle Regioni in disavanzo, tra cui l'Abruzzo, e si potrà accedere al fondo di 3 miliardi di euro che il Governo ripartirà con un successivo provvedimento sulla base dei criteri fissati nella legge e del contenuto economico dei piani definiti con le Regioni.
All'Abruzzo dovrebbe spettare, oltre alle ingenti somme da anni bloccate sulle quali l'Assessore Regionale alla Sanità ha più volte dato conto, un contributo straordinario, di 140 milioni di euro destinato all'abbattimento del debito.
Nel provvedimento è stato altresì inserita l'abolizione dei ticket di 10 euro sulla specialistica che erano stati introdotti con la Finanziaria.
Il Sen. Legnini, relatore sulla copertura finanziaria della legge in Commissione Bilancio del Senato, ha dichiarato: «L'approvazione del provvedimento è un ulteriore passo nel complesso iter per far uscire la nostra regione dall'emergenza finanziaria nella quale era stata ricacciata dal centro-destra negli anni passati. Ora il piano di risanamento, finalizzato ad abbattere l'enorme mole debitoria pregressa e riportare i bilanci futuri in equilibrio, sarà monitorato oltre che dal Governo anche dalle Commissioni Bilancio del Parlamento».
«La nostra Regione», ha continuato Legnini, «ha fatto la sua parte ma ora si apre una fase molto difficile e complessa nella quale al rigore finanziario deve accompagnarsi la necessità di assicurare i livelli essenziali di assistenza. Molto complesso è il problema del personale, in particolare quello precario che rischia di non poter essere riconfermato, tema sul quale ho chiesto al Governo di rendersi disponibile ad una verifica in corso d'opera finalizzata ad individuare spazi di operatività magari compensati da ulteriori risparmi di altre spese. Nei prossimi giorni si terrà un incontro con i Ministeri dell'Economia e della Salute per verificare la possibilità di riapertura di spazi finanziari per continuare ad assicurare prestazioni di lavoro per centinaia di operatori abruzzesi. Ottima la decisione di abolizione del ticket che viene compensata con ulteriori trasferimenti a favore delle Regioni per 500 milioni di euro».
18/05/2007 8.51