Tenue spiraglio per 37 operatori della Asl di Chieti

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

874

CHIETI. «Si apre uno spiraglio per i 37 Operatori Socio Sanitari della ASL di Chieti in scadenza di contratto e sulla cui riconferma in servizio parevano esserci poche possibilità». Questo è quanto ha dichiarato il Capogruppo della Democrazia Cristiana al Consiglio Regionale, Bruno Di Paolo, che a tal proposito ha presentato una interrogazione all'Assessore alla Sanità nel corso dell'ultima seduta del Question Time.
«Nel fornire una risposta al mio quesito, teso a conoscere quali fossero le intenzioni della Giunta Regionale per evitare che 37 lavoratori rimanessero senza stipendio, l'Assessore ha sottolineato le difficoltà economiche della ASL di Chieti ma ha garantito che si rivolgerà al Governo Centrale al fine di porre un rimedio concreto alla questione.
Spero che l'Assessore Mazzoca mantenga l'impegno personale preso rivolgendosi direttamente al Ministero della Sanità per ottenere una maggiore elasticità nel rispetto del tetto massimo di spesa sanitaria onde poter così garantire il rinnovo del contratto ed il conseguente sostentamento alle 37 famiglie degli OSS della ASL di Chieti. Una speranza ancor più importante se si tiene conto anche dell'imbarazzo da lui manifestato nel trovare una risposta alla mia seconda interrogazione che chiedeva delucidazioni sugli eccessivi costi per i corsi di formazione promossi dalla stessa ASL di Chieti».
«Purtroppo», ha continuato Di Paolo, «non mi sono state date risposte soddisfacenti per giustificare una spesa chiaramente troppo elevata in periodi così difficili dal punto di vista economico, ancor più se si tiene conto che, gli stessi corsi, in altre Regioni sono stati effettuati a titolo gratuito. Esprimo, pertanto, solo una parziale soddisfazione in merito alle intenzioni della Giunta e controllerò attentamente gli sviluppi poiché ritengo sia una necessità improrogabile rinnovare contratti in scadenza al personale socio sanitario, soprattutto quando di contro vengono effettuate spese folli per corsi di formazione che vanno in chiara contro tendenza con i proclami al risparmio sanitrio fatti nei mesi scorsi».
09/05/2007 15.24